Piano Frozen INPS per combattere le truffe sul lavoro

Per combattere le truffe legate ai rapporti di lavoro simulato al via un nuovo sistema di controlli INPS: ecco come funziona il piano Frozen.

controlli inps frozen

Per combattere le truffe legate a falsi rapporti di lavoro scattano rigidi controlli INPS. L’ente di previdenza ha annunciato l’arrivo del piano Frozen, un sistema automatizzato che analizza i dati e intercetta le posizioni a rischio. I rapporti di lavoro sospetti saranno congelati e controllati con attenzione.

Il piano Frozen per contrastare i rapporti di lavoro simulato

I rapporti di lavoro simulato rappresentano un problema per la collettività: attraverso queste finte assunzioni datori di lavoro e dipendenti percepiscono prestazioni previdenziali e assistenziali non dovute. Si tratta di agevolazioni contributive, di assegni familiari, indennità di disoccupazione, ecc.

Finora i controlli dell’INPS avvenivano con una logica ex-post, con un controllo fatto solo al momento dell’erogazione delle prestazioni previdenziali. Con l’arrivo del piano Frozen c’è un cambio di prospettiva: dall’incrocio dei dati trasmessi dalle imprese e quelli registrati nelle banche dati della PA il sistema riuscirà a individuare automaticamente le situazioni a rischio.

Piano Frozen INPS per combattere le truffe sul lavoroPiano Frozen INPS per combattere le truffe sul lavoro http://bit.ly/2sMcU7G via @6sicuro

Controlli INPS più rigidi per individuare le irregolarità

Come si legge nella circolare INPS n. 93 del 30 maggio 2017, il piano Frozen:

adotta una metodologia di controllo basata su sistemi statistici predittivi in grado di intercettare i flussi informativi a rischio prima che gli stessi vadano a popolare le basi dati e, in particolare, il conto assicurativo individuale. In particolare, i nuovi applicativi analizzano mensilmente, sulla base di un sistema integrato di indicatori di rischio, le denunce individuali, intercettando quelle che presentano profili di rischio, e ne supportano i successivi accertamenti da parte dalle strutture territoriali dell’Istituto.

Le posizioni sospette saranno congelate e sottoposte a un approfondito accertamento. In una prima fase i controlli INPS si concentreranno sui datori di lavoro di aziende private di tipo non agricolo (datori che utilizzano il flusso UniEmens). Successivamente, il sistema sarà allargato per includere anche le aziende agricole, i datori di lavoro domestico e i committenti iscritti alla gestione separata.

Luana Galanti

Ho una laurea specialistica in Consulenza e direzione aziendale e, da sempre, un legame indissolubile con le parole scritte. Le mie due anime – quella creativa e quella pragmatica – si confondono nel mio lavoro di web writer e business writer freelance.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*