Nuovi voucher: le sanzioni in caso di utilizzo irregolare

Sanzioni amministrative, trasformazione del contratto a tempo indeterminato e maximulta in caso di lavoro nero: ecco le sanzioni per i nuovi voucher usati dalle aziende per le prestazioni occasionali.

nuovi voucher sanzioni

Con una circolare, l’Ispettorato del Lavoro ha chiarito quali sono le sanzioni applicate ai datori di lavoro che utilizzano in modo irregolare i nuovi voucher.

Chi non rispetta le regole rischia grosso: oltre a dover pagare delle sanzioni, c’è anche il rischio di vedersi trasformato il contratto di prestazione occasionale in contratto di lavoro a tempo indeterminato.

Nuovi voucher: i limiti di utilizzo e le sanzioni

Le aziende che decidono di utilizzare i “nuovi voucher” devono rispettare una serie di regole. Tra queste, quella di comunicare preventivamente la prestazione lavorativa.

Violare questo obbligo, comunicando i dati in ritardo o non inviando tutti i dati richiesti, si traduce in una sanzione compresa tra 500 e 2.500 euro. Non potendo applicare la procedura di diffida, si ricorre alla sanzione ridotta di 833,33 euro. La sanzione si applica a ogni prestazione irregolare per la quale viene accertata la violazione.

In caso di mancata comunicazione ripetuta e continuativa, il datore di lavoro può essere punito con la maxisanzione prevista per i casi di lavoro nero.

Nuovi voucher: le sanzioni in caso di utilizzo irregolareNuovi voucher: le sanzioni in caso di utilizzo irregolare http://bit.ly/2eEWYz3 via @6sicuro

Nuovi voucher: quando è prevista la trasformazione del contratto

Il contratto di prestazione occasionale firmato dall’azienda e dal lavoratore viene trasformato in un contratto a tempo indeterminato se non si rispettano i limiti di utilizzo fissati dalla legge. In particolare, avviene quando:

  • si supera la soglia annuale di pagamento di 2.500 euro a favore di un lavoratore;
  • si supera il limite di pagamento di 6.250 annui a favore di un lavoratore appartenente alle categorie svantaggiate;
  • si supera il monte orario annuale di 280 ore (o il limite stabilito per i lavori svolti nel settore agricolo);
  • si usa il contratto di prestazione occasionale con un lavoratore con il quale era in corso nei sei mesi precedenti un contratto di lavoro subordinato o un contratto di collaborazione coordinata e continuativa.

Il contratto occasionale diventa un contratto di lavoro subordinato a tempo pieno e indeterminato a partire dal giorno in cui si superano i limiti descritti in precedenza.

Luana Galanti

Ho una laurea specialistica in Consulenza e direzione aziendale e, da sempre, un legame indissolubile con le parole scritte. Le mie due anime – quella creativa e quella pragmatica – si confondono nel mio lavoro di web writer e business writer freelance.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*