Rottamazione cartelle: attivo il servizio ContiTu

Chi ha aderito al programma di rottamazione delle cartelle Equitalia ora può scegliere quali cartelle rottamare e quali no: ecco come funziona il servizio ContiTu.

Rottamazione cartelle ContiTu

Agenzia delle Entrate-Riscossione, subentrata a Equitalia dal 1° luglio, ha lanciato il servizio ContiTu. Attraverso la piattaforma online, chi ha richiesto la rottamazione delle cartelle può scegliere quali cartelle pagare secondo i termini della definizione agevolata e per quali cartelle rinunciare alla rottamazione.

È online il servizio ContiTu: come funziona

Per accedere al servizio ContiTu è sufficiente collegarsi al sito internet del nuovo ente di riscossione. Nella pagina del servizio è possibile richiedere e stampare i bollettini RAV da usare per pagare le singole cartelle per le quali si accetta il piano di rottamazione. Per ottenere i bollettini bisogna indicare:

  • codice fiscale;
  • indirizzo email;
  • numero della comunicazione inviata da Equitalia;
  • data della comunicazione inviata da Equitalia;
  • numero identificativo della cartella.

Una volta inseriti i dati, il sistema calcola l’importo da pagare, in un’unica soluzione entro il 31 luglio oppure, se hai optato per il pagamento rateale, calcola l’importo delle diverse rate. Attraverso il servizio ContiTu puoi richiedere nuovi bollettini al massimo per tre volte per ogni comunicazione ricevuta da Equitalia.

Rottamazione cartelle: attivo il servizio ContiTuRottamazione cartelle: attivo il servizio ContiTu http://bit.ly/2v7dvBS via @6sicuro

Rottamazione cartelle: accesso alle informazioni senza PIN e password

ContiTu non è l’unico servizio lanciato da Agenzia delle Entrate-Riscossione. Da qualche giorno, infatti, sul sito internet dell’ente si può consultare l’esito della richiesta di rottamazione delle cartelle anche senza accedere con PIN e password.

Per conoscere l’esito della domanda di definizione agevolata si può compilare il form “Richiesta comunicazione” e indicare il proprio indirizzo email. Il sistema invierà all’indirizzo del contribuente una copia del documento “comunicazione somme dovute”.

Una volta verificate quali sono le cartelle rottamabili, si può decidere se aderire integralmente alla definizione agevolata o se rottamarne solo alcune, indicando quelle che si vogliono rottamare tramite il servizio ContiTu.

La scadenza per il pagamento della prima rata è fissata al 31 luglio: il piano di rottamazione sarà valido solo per le cartelle che saranno pagate entro questo termine. Per le altre si procederà con il normale processo di recupero.

Luana Galanti

Ho una laurea specialistica in Consulenza e direzione aziendale e, da sempre, un legame indissolubile con le parole scritte. Le mie due anime – quella creativa e quella pragmatica – si confondono nel mio lavoro di web writer e business writer freelance.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*