Tassa sulla spesa: da gennaio sacchetti bio a pagamento

Anche per i sacchetti di frutta e verdura è il momento di passare ai materiali biodegradabili. L’ora X per la tassa sulla spesa è il 1° gennaio. Sì, tassa: i sacchetti saranno infatti a pagamento.

tassa sulla spesa

Arriverà a gennaio quella che da alcuni è stata denominata una tassa sulla spesa: con l’arrivo del nuovo anno i sacchetti in plastica usati per imbustare frutta, verdura o altri alimenti saranno sostituiti da sacchetti biodegradabili. Sacchetti che però saranno a pagamento per i consumatori: lo impone la legge.

Sacchetti biodegradabili in tutti i supermercati

Dopo l’addio alle buste di plastica nel 2011, è la volta di sostituire anche i sacchetti super leggeri. Da gennaio 2018 non potranno più essere usati e dovranno essere sostituiti con sacchetti biodegradabili in linea con lo standard internazionale UNI EN 13432. Non solo: i sacchetti dovranno essere composti per almeno il 40% da materie prime ottenute da fonti rinnovabili.

Il passaggio dai sacchetti in polietilene ai sacchetti biodegradabili e compostabili è contenuto nel testo della legge di conversione del cosiddetto Decreto Mezzogiorno (n. 91/2017). La norma stabilisce che le buste biodegradabili:

non possono essere distribuite a titolo gratuito e a tal fine il prezzo di vendita per singola unità deve risultare dallo scontrino o fattura d’acquisto delle merci o dei prodotti trasportati per il loro tramite.

Parte di questo prezzo tornerà nelle casse dell’Erario sotto forma di IVA o di imposte sul reddito. Per questi motivi la decisione di rendere a pagamento i sacchetti per gli alimenti freschi è stata definita tassa sulla spesa.

Tassa sulla spesa: da gennaio sacchetti bio a pagamento per alimentiTassa sulla spesa: da gennaio sacchetti bio a pagamento per alimenti http://bit.ly/2wHEDZy via @6sicuro

Sacchetti biodegradabili: prezzo compreso tra 2 e 10 centesimi

La decisione sul prezzo dei sacchetti biodegradabili usati nei reparti ortofrutta, gastronomia, panetteria, macelleria e pescheria spetterà ai singoli commercianti e alle insegne della grande distribuzione organizzata. C’è da aspettarsi che il prezzo di ogni sacchetto sia compreso tra 2 e 10 centesimi. Anche se il presidente di Assobioplastiche intervistato da Adskronos spiega che il prezzo più giusto sia da 1 a 5 centesimi.

Intanto c’è chi si chiede se la novità non possa essere pericolosa: c’è infatti la possibilità che per non pagare la nuova tassa sulla spesa le persone decidano di riutilizzare i sacchetti, con il rischio di diffondere germi e batteri.

Gli esercizi commerciali che non rispetteranno la legge saranno multati: le sanzioni vanno da un minimo di 2.500 euro fino a un massimo di 100.000 euro, nei casi in cui si continuino a usare ingenti quantitativi di sacchetti in plastica.

Luana Galanti

Ho una laurea specialistica in Consulenza e direzione aziendale e, da sempre, un legame indissolubile con le parole scritte. Le mie due anime – quella creativa e quella pragmatica – si confondono nel mio lavoro di web writer e business writer freelance.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*