Risparmiare gas in cucina: consigli e scelta del piano cottura

risparmiare gas

Il gas è una delle fonti energetiche protagoniste nelle nostre abitazioni: oltre ad essere utilizzata per riscaldare gli ambienti e l’acqua, è indispensabile anche per cucinare. Risparmiare gas è diventato una necessità personale, per abbassare i costi della bolletta, ma anche un impegno sociale, una forma di rispetto nei confronti della natura. Vuoi sapere come farlo in cucina? Ecco i nostri consigli.

Le ‘buona maniere’ per risparmiare gas in cucina

Partiamo da alcuni semplici accorgimenti, nient’altro che buone abitudini, che da subito ti faranno risparmiare sulla bolletta.

Alimenti a temperatura ambiente: è importante attendere qualche minuto prima di inserire il cibo in pentola, soprattutto se proviene da frigorifero o freezer. Riscaldare alimenti troppo freddi comporta un maggior dispendio di gas.

La pentola giusta: oggi esistono moltissimi modelli differenti in grado di soddisfare ogni esigenza culinaria. La caratteristica fondamentale a cui bisogna prestare particolare attenzione è la capacità di trasmettere e conservare il calore. Pertanto le migliori sono quelle con fondo in acciaio spesso almeno un centimetro, poiché trattengono bene il calore e lo distribuiscono uniformemente, ma sono ottime anche quelle in ceramica o ghisa, purché non sia smaltata.

Pentola a pressione: è la soluzione ideale per le cotture lunghe. Grazie a questa pentola potrai magicamente dimezzare i tempi di cottura e di conseguenza risparmiare gas. Una valida alternativa è rappresentata anche dalle cotture a castello, che consentono un’efficiente condivisione del calore sui vari piani di pentole.

Coperchi: utilizzare il coperchio deve diventare una buona abitudine. Coprire la pentola evita che il calore si disperda, consente una cottura più omogenea e soprattutto, riducendo i tempi di cottura, si abbassano anche in consumi.

Scopri come risparmiare gas in cucina Scopri come risparmiare gas in cucina http://bit.ly/1ek1MI9 via @6sicuro

Fornello giusto: oltre all’utilizzo della pentola giusta, è importante sapere scegliere il fornello più idoneo al tipo di cottura che andrai a realizzare. Mai utilizzare una pentola piccola su di un fornello grande, avrai un inutile spreco di gas; tuttavia è altresì importante evitare di utilizzare pentole grandi su fornelli piccoli, poiché questi dovranno impiegare più energia per riscaldare adeguatamente la pentola.

Bollitura dell’acqua: quando hai necessità di far bollire l’acqua in tempi ristretti, evita di riempire oltre il necessario la pentola e abbi cura di farlo con acqua meno fredda possibile.

Cucina a gas, elettrica o a induzione?

Oltre a mettere in pratica i consigli che ti abbiamo appena illustrato, è importante sapere quali sono i consumi delle varie tipologie di cucine. Quando l’obiettivo è risparmiare gas, la prima domanda che ci si pone è: meglio una cucina a gas, elettrica o a induzione? A dire il vero, non esiste una risposta unica o una regola fissa, poiché entrano in gioco molteplici varianti, esterne e personali, tuttavia vale la pena fare un breve excursus sulle tre tipologie disponibili. A te l’ultima parola, in base alle tue esigenze.

  • Cucina a gas: è in linea di massima la soluzione più conveniente, se partiamo dal presupposto che il gas è una fonte energetica più economica rispetto all’energia elettrica, inoltre ha un minor impatto sull’ambiente. Tuttavia, una buona parte del calore prodotto si disperde e i tempi di cottura si allungano. Una volta finito di cucinare, i fornelli raggiungeranno i 400 gradi!
  • Cucina elettrica: ha la medesima dispersione di calore della cucina a gas, con l’aggravante che consumare energia elettrica costa più che consumare gas.
  • Cucina a induzione: sembra la soluzione ottimale. Unici due vincoli: l’adeguamento del contatore e l’uso di pentole adatte (quelle normali non funzionano). Per il resto, grazie a una bobina che genera un campo magnetico e raggiunge il fondo delle pentole riscaldandole, ha un rendimento del 90%. In altre parole: per far bollire un litro d’acqua, con il gas impiegheresti 8/9 minuti, con l’induzione 3/4. Incredibile, vero? E se poi vogliamo aggiungere che è meravigliosamente semplice e pratico da pulire… la scelta dell’induzione è inevitabile!
Beatrice Elerdini

Sono una scrittrice instancabile, una giornalista di professione e un editor di libri per passione. Mi occupo di viaggi, lifestyle, greenstyle, energie rinnovabili, cultura e musica e del prossimo argomento che verrà. Il mio scrivere non conosce limiti!

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*