Avocado: proprietà, benefici e controindicazioni

L'avocado è un frutto dalle numerose proprietà benefiche, ricco di antiossidanti. Scopriamo in questo articolo come può migliorare la nostra salute.

avocado

L’avocado è un frutto originario del Messico e centro America ed è considerato il “frutto grasso” per eccellenza. Ha una forma simile a quella della pera e può raggiungere anche i 20 cm di grandezza. L’avocado presenta un grosso seme centrale di 3-5 cm di diametro e la sua polpa è di colore giallo verde o giallo pallido.

In realtà, l’avocado ha un profilo nutrizionale unico nel suo genere che lo rende un alimento incredibilmente prezioso per la nostra alimentazione: 100 grammi di avocado apportano circa 160 calorie e contengono fibre, grassi buoni, vitamine del gruppo B, vitamina K, potassio, vitamina E e vitamina C, sostanze utili per ridurre il rischio cardiovascolare e per aumentare il senso di sazietà.

Avocado: proprietà e benefici

Pur essendo ricco di grassi vegetali, l’avocado contiene molti grassi monoinsaturi che sono utili per mantenere in salute il cuore. Quindi, se si soffre di ipercolesterolemia, se si ha qualche chilo di troppo oppure semplicemente se si vuole scegliere uno stile alimentare più sano, il consumo di avocado consente di introdurre quantità ottimali di acido oleico, lo stesso acido presente nell’olio d’oliva.

La polpa dell’avocado, inoltre, contiene altri nutriente benefici per la nostra salute.

  • Vitamina B9 (folati):  l’avocado contiene elevate quantità di acido folico utile per la crescita dei tessuti e, in generale, per la salute della donna (soprattutto in gravidanza).
  • Vitamina K1: importante per la coagulazione del sangue e per prevenire fragilità ossea e osteoporosi.
  • Potassio: il potassio è un minerale essenziale fondamentale nello scambio idro-salino a livello cellulare ed è coinvolto nel controllo della pressione sanguigna. Il potassio presente in 100 grammi di avocado è nettamente superiore alla quantità di potassio presente in 100 grammi di banana (450 mg contro 350mg).
  • Vitamina E: utile per protegge le cellule dalle tossine ambientali (è un potente antiossidante).
  • Vitamina C: altro importante antiossidante, è importante per la salute della pelle e delle ossa, favorisce l’assorbimento del ferro, prevenendo l’anemia.
  • Carotenoidi: nell’avocado sono presenti luteina e zeaxantina, importanti per la salute degli occhi e per combattere lo stress ossidativo.

Gli effetti dell’avocado sulla nostra salute

  • Salute cardiaca. Consumare regolarmente l’avocado favorisce la riduzione del colesterolo cattivo e dei trigliceridi, aumentando il colesterolo buono (HDL);
  • Sazietà e perdita di peso. Diversi studi hanno dimostrato che aggiungere mezzo avocado ai nostri pasti fa aumentare il senso di sazietà tra un pasto e l’altro e di conseguenza regola anche il peso corporeo;
  • Salute femminile, L’avocado è un frutto è ricco di folati, sostanze nutritive che promuovono la sviluppo dei tessuti e di nuove cellule, particolarmente importanti durante la gravidanza, l’allattamento e i primissimi anni di vita;
  • Artrite. L’avocado è ricco di composti ad azione anti-infiammatoria: fitosteroli, carotenoidi, polifenoli, flavonoidi, vitamina C, vitamina E, zinco, selenio e acidi grassi omega-3. Il consumo regolare di alimenti ad azione anti-infiammatoria previene le patologie infiammatorie articolari;
  • Aumento della libido. L’avocado è considerato il frutto dell’amore e della fertilità (la traduzione azteca di avocado è “albero del testicolo”);
  • Vista. L’avocado è ricco di luteina e zeaxantina, antiossidanti deputati a proteggere gli occhi dai danni provocati dallo stress ossidativo, la cataratta e la degenerazione maculare.
Avocado: proprietà, benefici e controindicazioniAvocado: proprietà, benefici e controindicazioni http://bit.ly/2tIHjVY via @6sicuro

Mangiare il seme dell’avocado? Sì, è possibile

Forse non tutti sanno che anche il seme di avocado è edibile e contiene quasi il 70% degli antiossidanti dell’intero frutto. Il seme di avocado, oltre a non essere tossico, è usato per curare una vasta gamma di disturbi. Per mangiarlo è necessario per prima cosa rimuovere la pellicola marrone che lo riveste; il seme va poi inserito in un sacchetto di plastica e schiacciato con un martello.

I frammenti ottenuti potranno essere aggiunti a frullati oppure a centrifugati. È inoltre possibile grattugiare il seme direttamente nel piatto, aggiungendolo ad insalate, zuppe, stufati oppure nel guacamole.

Avocado: controindicazioni

Chi è allergico al lattice potrebbe manifestare reazioni nei confronti di certi frutti come l’avocado, la banana o i kiwi. Attenzione anche ai problemi digestivi che questo frutto potrebbe provocare: l’avocado potrebbe dare gonfiore, produzione di gas, crampi allo stomaco, diarrea o costipazione ed è causato dai carboidrati a catena corta di cui l’avocado è ricco e che alcune persone non sono in grado di digerire.

Ricette con l’avocado

Esistono tante ricette che prevedono come ingrediente l’avocado. Il più conosciuto forse è il guacamole, ovvero una salsa messicana a base di avocado che prevede l’aggiunta di lime e pepe, da mangiare con tortilla di mais o crostini. Di questa ricetta base esistono diverse varianti che, tra le altre, prevedono l’uso del pomodoro, del peperoncino, dell’aglio o della cipolla.

L’avocado può essere anche usato per preparare sushi, sandwich, frullati, condimenti per la pasta, insalate, per esaltare il sapore del salmone e dei gamberi e come sostituto del burro.

Sonia Milan

Formatrice, consulente di comunicazione digitale, copywriter, storyteller e blogger.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*