Abbattitore di temperatura: a cosa serve e come si usa

L'abbattitore di temperatura è il nuovo elettrodomestico che tutti vogliono nella propria cucina: abbassa velocemente la temperatura dei cibi e aiuta a conservarli. Scopriamo le sue caratteristiche e come si usa.

abbattitore

Cos’è l’abbattitore di temperatura?

L’abbattitore di temperatura è un elettrodomestico che consente di abbassare velocemente la temperatura dei cibi, sia che essi siano a temperatura ambiente sia che siano caldi. È in grado di portare un cibo alla temperatura di +3°C in pochi minuti, così da poterlo riporre immediatamente in frigorifero, e senza formare cristalli di ghiaccio all’interno del cibo (come avviene quando si congelano i cibi). Questo tipo di pratica consente, inoltre, di prolungare la durata dei cibi poiché contrasta la carica batterica naturalmente presente nel cibo.

Abbattitore domestico

L’abbattitore è uno strumento che fino a pochi anni fa era riservato alle cucine professionali di ristoranti, pasticcerie e gelaterie. La visibilità ottenuta da questi strumenti durante trasmissioni e reality televisivi molto conosciuti (ad esempio Masterchef) ha suscitato l’interesse del grande pubblico e ora, grazie alle dimensioni ridotte rispetto agli abbattitori professionali e anche ai prezzi più contenuti rispetto al passato, l’abbattitore di temperatura ha iniziato a popolare le cucine di molti italiani. Oggi molte aziende hanno iniziato a produrre abbattitore per il mercato domestico: tra queste spiccano Irinox e KitchenAid.

Abbattitore di temperatura per il pesce crudo

L’abbattitore viene usato, in particolare, per gestire la conservazione del pesce che andrà consumato crudo. È perciò molto diffuso nei ristoranti giapponesi e in tutti quei ristoranti dove è necessario mantenere la salubrità del pesce crudo, poiché la legge impone di mantenere il pesce crudo per almeno 24 ore ad una temperatura di -20° prima di servirlo.

Uno dei maggiori problemi rappresentati dal consumo di pesce crudo è la possibilità che il pesce venga infettato dall’anisakis, un parassita dalla forma di un piccole verme, di colore bianco o rosa. Si trova nelle viscere dei pesci, ed è per questo che il pescato deve essere eviscerato il prima possibile.

Se ingerito, l’anisakis è in grado di perforare l’intestino, spostandosi in altri organi e provoca sintomi quali intenso dolore addominale, nausea, vomito, febbre e dissenteria, ma anche un’occlusione intestinale che va trattata con un intervento chirurgico per l’asportazione del tratto d’intestino invaso dai parassiti.

Abbattitore di temperatura per il pesce crudo: la legge

Questo parassita viene debellato se si cuoce il pesce a temperature superiori ai 60° oppure se lo si congela per un tempo abbastanza lungo. Per questo motivo, il Ministero della Sanità, nel 1992, ha imposto ai ristoranti e a chiunque somministri pesce crudo, di congelare il pesce a -20° per almeno 24 ore prima di servirlo (mentre, con i congelatori domestici, è necessario abbattere il pesce crudo ad almeno -18° e lasciarlo congelato per almeno 96 ore).

In questa operazione, l’abbattitore diventa uno strumento indispensabile, grazie alla sua capacità di portare il pesce al punto di congelamento in pochissimo tempo, preservandone però il sapore e le caratteristiche organolettiche.

Quanto tempo deve stare il pesce nell’abbattitore?

Ogni modello di abbattitore di temperatura ha diversi programmi che permettono di abbassare la temperatura degli alimenti. Mediamente sono necessari 90 minuti per portare il pesce alla temperatura idonea per la conservazione.

Abbattitore per il pesce crudo: il prezzo

Chi vuole gestire la conservazione e il consumo di pesce crudo a casa, dovrà dotarsi di un abbattitore che raggiunga i -18° (e il pesce dovrà rimanere poi congelato per almeno 96 ore prima del consumo crudo): questa è la temperatura prescritta dal Ministero della Salute per la corretta conservazione del pesce che andrà consumato crudo. Al momento il costo di un abbattitore per pesce domestico non è inferiore ai 1000 euro.

Abbattitore di temperatura: i prezzi

I prezzi degli abbattitori di temperatura domestici variano moltissimo. Si parte da un minimo di 1000 euro per i modelli più piccoli e semplici, fino ad arrivare ai 5000 euro per un prodotto da incasso che svolge anche la funzione di congelatore. Mediamente, con una spesa di circa 1000 euro si possono acquistare dei modelli di buona qualità.

Abbattitore di temperatura: a cosa serve e come si usaAbbattitore di temperatura: a cosa serve e come si usa http://bit.ly/29bszpI via @6sicuro

Hai mai usato un abbattitore di temperatura? Che esperienze hai avuto?

Sonia Milan

Formatrice, consulente di comunicazione digitale, copywriter, storyteller e blogger.

Commenti Facebook

2 Commenti

  1. Avatar
    Giuseppe giugno 29, 2016

    Potrebbe indicarmi quali sono i modelli da 200 euro? Io non ne ho trovati sotto i 1000
    grazie

    Rispondi
    • Avatar
      Sonia Milan luglio 03, 2016

      Buongiorno Giuseppe, purtroppo c’è stato un errore durante la scrittura dell’articolo, che abbiamo provveduto a sistemare. Come giustamente da Lei indicato, non esistono, ad oggi, abbattitori di temperatura a costi così bassi. Ma speriamo che con il tempo possano arrivare 🙂

      Rispondi

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*