Saldi invernali, si risparmia andando a piedi

Saldi invernali, si risparmia andando a piedi

Queste sono le settimane dei saldi. Per correre alla ricerca del prezzo più basso, però, ci dimentichiamo di quanta benzina sprechiamo per arrivarci.

È vero che gli italiani hanno consumato meno sotto le feste (-4 %) ma la corsa ai saldi non si è fermata. Vuoi perché tutti hanno atteso questi giorni per acquistare i prodotti adocchiati da tempo, vuoi perché fare shopping è una pratica sempre diffusa per occupare momenti liberi, le principali città italiane hanno visto ingorghi e picchi di inquinamento nei pressi dei centri storici e zone commerciali.

Dove saranno in vigore i blocchi del traffico per i saldi?

  • A Roma i picchi di emissioni di Co2 (oltre 50 microgrammi/mq nelle zone centrali) hanno portato le amministrazioni a decidere per le targhe alterneche proseguiranno per tutto gennaio (esclusi i veicoli Euro5).
  • A Torino dal 7 gennaio i veicoli Euro 0 per trasporto persone, compresi GPL e metano, non potranno più circolare per tutta la città dalle 8 alle 19. Inoltre, fino al 30 marzo divieto di circolazione in ZTL dalle 10.30 alle 17 per benzina Euro 1 e diesel Euro 3.
  • Restrizioni anche a Milanoper tutto il 2013, con blocco dei diesel Euro 3 senza Fap in alcune fasce orarie, attive dopo 10 giorni di superamento delle soglie PM10. In cantiere anche l’organizzazione delle “domenicAspasso”, che quest’anno saranno 8 invece che 6.
  • A Firenze, invece, revocate dal 1° gennaio le limitazioni per la circolazione dei mezzi più inquinanti, a causa della positiva situazione della qualità dell’aria.

I saldi proseguiranno senza restrizioni in Lombardia, Emilia-Romagna, Abruzzo, Sardegna, Toscana e Umbria dal 5 gennaio per 60 giorni. In Val d’Aosta addirittura fino al 31 marzo. Nelle altre regioni generalmente dal 5 gennaio per 45 giorni. Per una lista completa potete consultare questo articolo.

Come muoversi per raggiungere le zone commerciali?

Come abbiamo detto, non sempre è conveniente muoversi con l’auto per raggiungere le zone commerciali, soprattutto nelle principali città. Chiara ieri ci ha dato diversi spunti, ma spesso nei nostri calcoli per risparmiare dimentichiamo quelli che in economia si chiamano “costi di transazione”, cioè tutte quelle spese aggiuntive (in tempo e denaro) necessarie a raggiungere il nostro obiettivo. Costi che possono anche rendere non più conveniente quella transazione.

Allora, per evitare di sprecare benzina fermi nel traffico (dove non possono funzionare i nostri 10 consigli) e per sviare agli scomodi blocchi delle ZTL, uscite a piedi o in bicicletta per raggiungere i centri storici, oppure utilizzate linee tram e bus.

Se il centro commerciale è situato in periferia, guardate prima che non sia servito da qualche navetta: magari trovate degli orari confacenti ai vostri impegni. Poco male se non farete in tempo a guardare tutti i negozi: risparmierete ancor di più non comprando nulla!

Simone Moriconi

Profondo conoscitore del web e Blogger/Editor per diverse realtà editoriali, Simone Moriconi si occupa di marketing, e-commerce e comunicazione (online e offline), offrendo i suoi servizi di consulenza ad aziende, organizzazioni e persone

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*