730: le risposte ai vostri quesiti

Domande 730

A seguito della pubblicazione del post dal titolo Risparmiare con il 730, abbiamo ricevuto numerose domande sul tema. In particolare le curiosità si sono concentrate sulle detrazioni del 19%, 36% e 55%, ma procediamo per ordine.

Oneri e spese (19%)
Alle detrazioni è possibile aggiungere, oltre gli interessi sul mutuo, anche la parcella notarile per l’atto di compravendita e atto di mutuo, nonché la fattura della provvigione all’agenzia di vendita?
Onorario del notaio e fattura intermediazione rientrano tra gli oneri detraibili per il 19%.

Le spese per l’acquisto di medicinali sono detraibili anche quest’anno?
Le spese per medicinali sono detraibili se certificate da fattura o da scontrino fiscale (c.d. “scontrino parlante”) in cui devono essere specificati la natura e la quantità dei prodotti acquistati, il codice alfanumerico (identificativo della qualità del farmaco) posto sulla confezione del medicinale e il codice fiscale del destinatario.

Gli scontrini parlanti per i medicinali acquistati per i membri dello stesso nucleo familiare possono essere detratti da una singola persona ad esempio il padre?
E’ possibile nel caso in cui la persona cui gli scontrini si riferiscono è fiscalmente a carico di quella che redige il modello 730 (ad esempio un papà con figlio minore a carico).

Ristrutturazioni (36%)
Per la detrazione del 36% sulle spese di ristrutturazione immobili ci sono delle clausole particolari o basta presentare la fattura?
Per la detrazione c’è bisogno di fattura, ricevuta del bonifico bancario o postale e dati catastali dell’immobile.

Interventi finalizzati al risparmio energetico (55%)
Tra le spese sostenute per interventi volti al risparmio energetico è detraibile anche quella per il certificato energetico?
Le spese per la certificazione energetica rientrano tra quelle detraibili se sostenute a seguito di un intervento di riqualificazione.

E’ possibile recuperare le spese per l’impianto di depurazione dell’acqua?
No, purtroppo l’impianto per la depurazione dell’acqua non rientra tra gli interventi volti al risparmio energetico che danno diritto alla detrazione del 55% delle spese.

Michela Calculli

Dagli studi professionali tra Milano e Torino al blog personale, passando per un'esperienza televisiva che ha segnato la svolta. Tre grandi passioni: la scrittura, il fisco, la semplicità. Sempre in equilibrio tra famiglia e professione tra comunicazione e aggiornamento fiscale.

Commenti Facebook

4 Commenti

  1. Avatar
    barbara Malmassari febbraio 27, 2014

    Ho richiesto un certificato energetico per la vendita di un immobile, la fattura é detraibile dal 730?

    Rispondi
  2. Avatar
    moreno marzo 07, 2014

    Devo installare un depuratore acqua domestico per elevata presenza di arsenico e mancanza della rete idrica’ ,poso avere diritto a sgravi tipo iva agevolata o detrazioni? Non si capisce in che modo agire, basterebbe saper se si o no visto che il caso riguarderebbe anche la tutela della salute

    Rispondi
  3. Avatar
    guido micheli aprile 30, 2015

    Desidero sapere se le spese sostenute per la badante di mia suocera , anni 100, sono in parte detraibili dal 730.

    Rispondi
  4. Avatar
    Giuseppe maggio 15, 2016

    Sto acquistando un depuratore di acqua domestico perchè soffro di calcolosi renale, quindi mi è stato consigliato di bere acqua oligominerale leggere.
    Posso scaricarlo sul 730 come apparecchiatura medicale?

    Rispondi

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*