Pneumatici ricostruiti: cosa sono e come riconoscerli

Gli pneumatici ricostruiti, detti anche gomme ricoperte o rigenerate, sono una delle varianti economiche ed ecologiche del classico copertone. Ma si risparmia davvero? Sono sicuri per la tua auto? Scoprilo in questo articolo.

pneumatici ricostruiti

Pneumatici ricostruiti: cosa sono?

Buongiorno, ma se monto pneumatici ricostruiti quanto risparmio?
Ecco la frase che con buona probabilità ti sarà capitato di sentire dal gommista durante il tuo ultimo cambio gomme invernali. Prima di iniziare facciamo una importante distinzione: gli pneumatici rigenerati sono modelli consumati (detti anche carcassa) a cui la fabbrica applica dei nuovi battistrada di gomma, mentre gli pneumatici ricostruiti sono dei copertoni dove il battistrada consumato viene eliminato e sostituito da una materiale nuovo, preso da gomme ancora intatte, che corrisponde all’originale.

Questa ricostruzione delle parte esterna, che avviene solo dopo aver appurato la perfetta convergenza ed equilibratura della gomma, si basa su un cosiddetto processo di vulcanizzazione dove le componenti vecchie si fondono con quelle nuove generando una gomma ibrida.

Gomma estiva o invernale non cambia, questa tipologia di pneumatico è funzionale per entrambe le stagioni. Ma è sicuro? Assolutamente sì, gli pneumatici ricostruiti sono sottoposti agli stessi test delle gomme nuove che permette loro di ottenere la certificazione europea di omologazione necessaria alla vendita.

Pneumatici ricostruiti: come riconoscerli?

Riconoscere gli pneumatici ricostruiti è molto semplice, infatti essi presentano il marchio del parametro europeo Ece Onu 108 – 109 (per i mezzi pesanti) così suddiviso:

  • sigla “108 R” o “109 R” sul lato del pneumatico che indica il parametro europeo assegnato;
  • un cerchio con all’interno la lettera “E” che indica il paese di produzione e l’omologazione europea. Per l’Italia equivale a E2;
  • una serie di 6 numeri identificativi della fabbrica di produzione;
  • la denominazione “Ricostruito” o “Retread”;
  • il marchio del ricostruttore;
  • la settimana di ricostruzione ed il relativo anno.

Tale norma serve a garantire un ulteriore controllo sulla resistenza, l’affidabilità, il processo produttivo e di qualità adottato dal ricostruttore.

Pneumatici ricostruiti: quante volte si possono rigenerare?

Esistono alcuni limiti sulla quantità di volte che lo stesso pneumatico può essere rigenerato:

  • fino a 3 volte per i veicoli adibiti al trasporto pesante;
  • fino a 7 volte per gli aerei;
  • una volta sola per le automobili.

La rigenerazione è sicuramente un processo economico ma ha alcuni aspetti negativi. Una lavorazione non attenta può far sì che il battistrada si stacchi o, nei casi più estremi, esploda a causa delle vibrazioni, della velocità e del surriscaldamento. Tieni sempre a mente che il disegno del battistrada non potrà mai essere identico a quello di un pneumatico nuovo.

Gli pneumatici ricostruiti sono veramente più ecologici?

Assolutamente sì. I benefici per l’ambiente infatti sono molteplici, tra cui:

  • Per la produzione di pneumatico vengono consumati circa 25 litri di greggio, per uno ricostruito 5,5 litri;
  • Attraverso la ricostruzione si mantiene l’80% del pneumatico da un’anticipato deposito in discarica;
  • Rispetto alla nascita di un pneumatico nuovo, il procedimento di rigenerazione risparmia il 70% di energia;
  • Con un decreto del Ministero dell’ambiente del 2003, gli pneumatici ricostruiti sono stati esenti dalla categoria dei rifiuti, eliminando così ogni onere burocratico.
Pneumatici ricostruiti: cosa sono e come riconoscerliPneumatici ricostruiti: cosa sono e come riconoscerli http://bit.ly/1T0CMDw via @6sicuro

Le gomme ricoperte sono sicure?

Come detto all’inizio gli pneumatici ricostruiti sono sottoposti agli stessi controlli di un modello nuovo per cui, confermato che il livello di sicurezza è identico, i consigli ulteriori che mi sento di darti sono:

  • controlla sempre che siano accertati gli standard Ece Onu 108 e 109 per i mezzi pesanti;
  • il battistrada deve avere uno spessore di almeno 1.6 mm, è una regola del Codice Della Strada;
  • monta sempre pneumatici con le stesse caratteristiche e misure riportare sulla tua carta di circolazione;
  • occhio alla data di produzione riportata sullo pneumatico. È una serie di numeri dove, gli ultimi 4, indicano la settimana a l’anno che devi considerare (xxxx xxxx xxxx 1215 significa che la produzione è avvenuta la 12esima settimana del 2015);
  • Fai ispezionare da un professionista i copertoni ogni 5 anni almeno.

Puoi trovare informazioni più dettagliate sul sito dell’Associazione Italiana Ricostruttori Pneumatici.

Pneumatici ricostruiti 4×4 per fuoristrada

Una delle categorie di veicoli che pone maggiore attenzione sugli pneumatici rispetto ad altri è sicuramente quella dei fuoristrada e delle auto 4×4. Non ci sono regole particolari da mettere in pratica se non quella di porre sempre la massima attenzione sull’omologazione che rispetti le norme europee. Le prestazioni degli pneumatici rigenerati per fuoristrada infatti sono identiche e non danno problemi sul montaggio, che sia d’inverno o d’estate.

Prezzi pneumatici ricostruiti on line

Il punto di forza questo tipo di copertoni è sicuramente il prezzo, considerato che il cambio gomme non è spesso un’operazione economica. Con uno pneumatico ricostruito si può arrivare anche a risparmiare dal 30 al 60% in meno rispetto ad una gomma nuova, senza rinunciare a qualità, sicurezza ed affidabilità.

Comprando pneumatici ricostruiti online si possono spendere dai 30 euro l’uno fino a un massimo di 300 euro per i veicoli pesanti. Restando solo nell’ambito automobilistico con 120 euro è il costo minimo per un cambio gomme auto completo.

I vantaggi

Il prezzo e l’impatto ambientale fanno del pneumatico ricostruito una valida alternativa per risparmiare senza perdere qualità, sicurezza e affidabilità.

Gli svantaggi

Devono essere sottoposti a test intensi che ne accertino il corretto funzionamento. Questo può creare della titubanza nei confronti dell’automobilista che deve porre maggiore attenzione al momento dell’acquisto.

Inutile negarlo: gli pneumatici ricostruiti erano (e restano) una variante economica e accessibile per tutti, adatta ad ogni stagione e funzionale per ogni veicolo.

Tu li hai mai provati?

Giovanni Bizzaro

Assistente web marketing di 6sicuro, coordino blogger e giornalisti gestendo e pianificando il calendario editoriale. Mi occupo inoltre di strategie sui social network per aziende e privati.

Commenti Facebook

15 Commenti

  1. Avatar
    Luciano novembre 25, 2015

    Ho acquistato un treno di gomme ricostruite invernali. Il gommista mi ha detto che per fare l’equilibratura è diventato matto in quanto sono molto squilibrate, infatti noto vibrazioni al volante anche a bassa velocità. A parte questo sul bagnato si comportano bene, con la neve non ho ancora provato.

    Rispondi
    • Avatar
      Ugo novembre 29, 2015

      Sarebbe così cortese da precisare marca e/o modello di queste ricostruite? Può essere utile per regolarsi.
      Cordiali saluti:
      Ugo

      Rispondi
  2. Avatar
    Ugo novembre 25, 2015

    Ringrazio dell’articolo, molto utile. Però confesso che pur rileggendo le definizioni da lei riportate non ho ben capito la differenza tra rigenerati e ricostruiti: entrambi avevano un battistrada consumato e su entrambi è stato sostituito con uno nuovo. Forse si intende dire che mentre per i primi il processo avviene in fabbrica su carcasse di provenienza imprecisata, per i secondi la lavorazione è a cura di gommisti specializzati che la effettuano direttamente sui nostri pneumatici usurati? Inoltre vorrei sapere se nei casi estremi di esplosioni a seguito di cattivo incollaggio esse si verifichino solo su pneumatici vecchio stile con all’interno una camera d’aria (visto che i tubeless parevano aver eliminato questo rischio).
    Grazie

    Rispondi
    • Avatar
      Giovanni Bizzaro novembre 26, 2015

      Ciao Ugo,
      la differenza tra pneumatici rigenerati e ricostruiti è la seguente: i primi sono dei modelli con il battistrada consumato dove la fabbrica applica un nuovo strato di gomma, nei secondi invece il battistrada consumato viene completamente eliminato e sostituito da una materiale nuovo, preso da gomme intatte.
      Per quanto riguarda il rischio esplosione degli pneumatici ricostruiti ti confermo che sui tubeless è minore rispetto ai classici con camera d’aria (ma questo non significa che scompaia del tutto).

      Rispondi
      • Avatar
        Ugo novembre 29, 2015

        Grazie del sollecito riscontro (io sono un po’ meno rapido, come vede).
        Mi restano questi dubbi nel caso dei ricostruiti:
        1-l’operazione viene fatta da (o tramite) un gommista di mia fiducia sullo stesso mio “treno”, che diversamente avrei dovuto gettare?
        2-Se per gomme intatte lei intende pneumatici nella loro interezza, dov’è allora il risparmio per il fornitore nel privarli del battistrada per ricoprirne di usati? Perché non conviene montare addirittura queste gomme da cui è stato prelevato visto che le misure dovrebbero coincidere? Si tratta forse di modelli con eguale diametro esterno ma magari una misura di “spalla” non particolarmente richiesta?

        Rispondi
        • Avatar
          Giovanni Bizzaro novembre 30, 2015

          Ciao Ugo,
          1- penso tu possa fare richiedere l’operazione sia al tuo gommista di fiducia che ad un esterno con un treno che altrimenti dovresti gettare;
          2- esatto, poniamo questo esempio: hai cambiato auto e a casa hai delle gomme usate pochissimo. Se il diametro coincide potresti montarle con i dovuti controlli ma, nel caso non fosse così, puoi ricostruirle con il battistrada che possiedi.

          Rispondi
  3. Avatar
    Matteo novembre 25, 2015

    Io ho comprato un treno di gomme ricostruite ecoquattro s R/18 235/45 98y. Le ho prese in quanto le uniche che per la misura sono 4 stagioni. Il gommista quando le ha montate è inorridito mi ha terrorizzato paventando rischi enormi di incidente pericolo per la circolazione vibrazioni deformazioni peso e grammatura insomma mi ha messo molta ansia. C’è qualcuno che conosce queste gomme e può rassicurarmi?

    Rispondi
  4. Avatar
    endriux novembre 27, 2015

    Secondo la mia esperienza di tanti anni di guida TIR è meglio comprare pneumatici nuovi.

    Rispondi
  5. Avatar
    armando gennaio 21, 2016

    Ho acquistato 4 gomme ricostruite king meiler e mi trovo bene. Sono piu’ rumorose delle altre ma poi ti ci abitui, hanno un’ottima tenuta sull’asciutto, mentre sul bagnato bisogna stare attenti (mi riferisco a frenate in curva). Le ho girate a dicembre con 15000 km e le sto tenendo su come invernali (sono estive).

    Rispondi
  6. Avatar
    Massimo gennaio 30, 2016

    Io sono già al terzo treno di gomme ricostruite della ditta Vergom di Trino e devo dire che vanno veramente molto bene..per di più hanno più battistrada rispetto ad un pneumatico nuovo.sicuramente continuerò con la scelta di questi pneumatici

    Rispondi
  7. Avatar
    Nicolas febbraio 02, 2016

    Io ho comprato spesso gli pneumatici usati e penso che un usato con battistrada residuo oltre il 70% di marca è superiore a un nuovo cinese di bassa qualità o di un ricostruito.

    Rispondi
  8. Avatar
    massimo maggio 15, 2016

    io ieri con la mia compagna abbiamo rischiato di lasciarci le penne in autostrada bloccati in terza corsia di sorpasso…, pnumatici invernali ricostruiti da un noto marchio italiano…. si è disintegrata in 7 secondi da quando abbiamo avvertito la vibrazione…. e non avevano percorso forse 7000km…. mai più!

    Rispondi
  9. Avatar
    giuseppe luglio 20, 2016

    io dovrei far ricostruire 4 pneumatici per una carrozza di traino con cavalli, vivo a Pomezia, vorrei conoscere una officina che possa farlo e/o vorrei sapere a chi rivolgermi, grazie Giuseppe

    Rispondi
  10. Avatar
    vittorino agosto 13, 2017

    buongiorno,a fine luglio 2017 ho sostituito le gomme di un camper vw con delle rigenerate di marca, il mezzo va molto bene ieri
    andandolo a prelevare dal parcheggio mi sono accorto che avevo un pneumatico semi sgonfio l’ho smontato e l’ ho portato pres
    so un gommista( centro gomme serviane paderno dugnano) non l’ avessi mai fatto il responsabile me ne ha dette di tutti i colori
    demonizzando il prodotto come se gli avessi portato la peste totale ho dovuto rimetterlo in macchina,il centro gomme lavora con
    i pneumatici venduti nel centro commerciale e fra quelli di marca,quelli cinesi vende pure i ricostruiti. domanda:secondo voi esi
    stono gommisti seri che non fanno problemi ? grazie

    Rispondi
  11. Avatar
    Manu ottobre 09, 2017

    La mia domanda è la seguente: ma per risparmiare 50€ In totale davvero comprereste sta robaccia? Circolereste davvero con i vostri figli (e voi stessi) a bordo?

    Rispondi

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*