Come montare le catene da neve

Come montare le catene da neve

Come tutti sappiamo, in molte strade d’Italia dal 15 novembre è scattato l’obbligo di circolare con gomme termiche o con catene da neve a bordo. Abbiamo già parlato della differenza tra l’una e l’altra scelta: in alcuni casi può essere sufficiente avere solo le catene, nella maggior parte dei casi è sempre bene girare con le gomme invernali; in certi casi (chi vive in montagna) è bene avere sia le une che le altre.

Non importa che le catene siano metalliche o di plastica, l’importante è che soddisfino le prestazioni richieste dalla normativa UNI. Di solito, per essere certificate “a norma”, le catene da neve sono sottoposte a prove di resistenza: trazione, usura, corrosione, aderenza al battistrada, e il comportamento su strada in generale. Per essere sicuri, comunque, controllate sempre che sulla confezione sia presente il certificato di omologazione UNI.

Ma avere le catene a bordo non basta: bisogna sapere come montarle. Ecco alcuni suggerimenti al riguardo.

Innanzitutto, le catene vanno montate solamente in caso di manto stradale molto innevato, ghiaccio vivo, o per tirarsi fuori da situazioni particolari (salite innevate, cumuli di neve, impossibilità a ripartire con le semplici termiche).

Se siete in giro, fermatevi al lato della strada, indossate il giubbino catarifrangente e un paio di guanti. Ricordate che le catene vanno sempre montate sulle ruote motrici della macchina. Se avete una 4X4 vi conviene montarle a seconda della direzione: ruote anteriori se dovete andare avanti, su quelle posteriori se dovete partire in retromarcia.

Svolgete le catene in modo che le briglie siano tutte ben distese e fate passare la punta del cerchio colorato dietro al pneumatico. Dopo averla agganciata all’altra estremità del cerchio, appoggiate le catene sul battistrada del pneumatico e allacciatele all’elastico che si troverà all’esterno della gomma: in sostanza, si devono sovrapporre al cerchione. Infine, agganciate le due estremità della catena davanti e fissate gli elastici di fermo.

Le catene più vecchie si tendono in due volte: dopo i primi metri strada, bisogna fermarsi per dare una “stretta”. Solitamente, invece, tutte le nuove catene si “autotendono”, cioè basta tirarle bene dopo il fissaggio degli elastici e fare i primi metri a velocità limitata, senza bisogno di fermarsi. In ogni caso, ricordate che con le catene non potete superare i 50 km/h.

Una volta terminato il tratto critico le catene vanno tolte, operazione molto semplice: basta sganciare i cerchi e gli elastici fissati davanti. Ricordatevi infine, una volta tornati a casa, di sciacquarle con l’acqua e farle asciugare bene: se non lo fate, il sale sparso sulla strada le farà arrugginire in fretta!

Simone Moriconi

Profondo conoscitore del web e Blogger/Editor per diverse realtà editoriali, Simone Moriconi si occupa di marketing, e-commerce e comunicazione (online e offline), offrendo i suoi servizi di consulenza ad aziende, organizzazioni e persone

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*