A lezione di risparmio con il Tutor della spesa!

A lezione di risparmio con il Tutor della spesa!

Un’iniziativa della Coldiretti per aiutare le famiglie a risparmiare: lezioni pratiche organizzate da una figura ad hoc, chiamata Tutor della spesa, con cui imparare i trucchi per ridurre i consumi senza rinunciare alla qualità. Un’esperienza positiva che, da “Cibi d’Italia” di Campagna Amica al Castello Sforzesco di Milano, verrà adottata progressivamente in tutta Italia. Nello specifico, cosa consigliano i Tutor della spesa? Ecco i loro argomenti principali:

1. Come scegliere cibi di qualità al giusto prezzo

Le confezioni formato famiglia o le offerte “3×2” sono certamente ottime opportunità per risparmiare, ma soltanto se si consuma davvero quel prodotto. Non mangiate quasi mai cereali? Allora non è il caso di acquistarne 3 pacchi “perché conviene”: non li aprireste comunque.
Frutta e verdura? Meglio fresche e intere: pazienza se lavarle è un po’ noioso!
Quelle già lavate e tagliate, infatti, oltre ad avere un prezzo maggiore, subiscono un trattamento che fa perdere preziose sostanze nutritive, specie se dal taglio al consumo effettivo passa parecchio tempo.

2. Come allevare una mucca… online

Incredibile, ma vero: le nuove tecnologie ci consentono anche questo. Grazie ad una semplice webcam, infatti, alcune aziende agricole offrono la possibilità di adottare a distanza una mucca e seguire l’allevamento fase per fase (nascita, pascolo, mungitura ecc.)  Il vantaggio? Ottenere uno sconto sull’acquisto dei prodotti caseari a fronte di un contributo iniziale irrisorio (circa 50 euro). Senza dimenticare il certificato di adozione rilasciato all’adottante: la certezza di ricevere a casa latte, burro e formaggio genuini ripaga della spesa, non trovate?

<<Clicca qui e TWITTALO>>
Adotta una mucca a distanza: risparmi e mangi sano! http://bit.ly/10yAtLg via @6sicuro

3. Come preparare cosmetici low cost

Una maschera per il viso naturale e golosa? Basta mescolare mezzo cucchiaino di cacao in polvere, mezzo cucchiaino di yogurt bianco e mezzo di miele, applicandolo sul viso massaggiando ed evitando la zona occhi, per poi lasciare in posa fino a quando il composto sarà secco. Il risultato: pelle morbida, luminosa e idratata con poca spesa.
Questo è solo un esempio, perché online troverete davvero molte idee per realizzare cosmetici naturali fai-da-te! Benessere e risparmio saranno assicurati.

4. Come coltivare un orto sul balcone

Ne avevamo parlato  in un precedente articolo: un trend che secondo la Coldiretti spinge circa il 40% degli italiani a diventare “contadini” è la possibilità di creare un orto in casa, utilizzando piccoli spazi in balcone, in terrazza, in cortile o persino sui tetti!

Grow the Planet è una vera e propria community internazionale che unisce tutti i piccoli coltivatori e li aiuta a scambiarsi i prodotti del proprio balcone. Un’idea da sfruttare perché non solo si risparmia, ma si ha la certezza di mangiare alimenti a Km zero.

5. Come pulire la casa con prodotti ecologici

Chi è allergico lo sa: la maggior parte dei prodotti per l’igiene e la pulizia della casa contengono sostanze piuttosto irritanti, che possono creare fastidi di vario tipo. Evitare i prodotti chimici è facile e il risultato può essere anche superiore alle aspettative. In fondo, chi può mai smentire l’utilità dei consigli della nonna?

Per disincrostare i fornelli in cucina, ad esempio, sono ottimi il bicarbonato di sodio e l’aceto di vino bianco: il primo è il miglior alleato per neutralizzare gli odori e disinfettare, il secondo ha proprietà sgrassanti. Per una fragranza naturale in ogni ambiente, inoltre, niente è meglio della lavanda: basta qualche goccia di olio essenziale in un diffusore.

6. Come riciclare in modo furbo

Basta un po’ di fantasia per recuperare alcuni materiali prima di gettarli: il cartone per la pizza, ad esempio, può servire a creare giocattoli a costo zero! Un orologio, un puzzle, un contenitore per i disegni. Il metro da sarta può diventare un braccialetto, un orologio, un coccarda per regali originali. E i vecchi maglioni? Possono trasformarsi in guanti, cappelli, borse o scaldamuscoli. Infine, ma non meno importante, il riciclo degli avanzi: tutto ciò che resta da un pranzo o una cena non va buttato! Basta dare un’occhiata al Ricettario degli avanzi, raccolta di 28 ricette, realizzata nel 2009 da Iren Emilia (già Enìa) con la collaborazione di Academia Barilla, per imparare a recuparare con profitto i rimasugli dei pasti.

<<Clicca qui e TWITTALO>>
Recupera gli avanzi del tuo pranzo e crea nuove ricette! http://bit.ly/10yAtLg via @6sicuro

7. Come preparare pane, pasta e conserve in casa

Per ridurre gli sprechi e mangiare sano molte famiglie hanno riscoperto le antiche tradizioni, rinunciando a ristoranti e pizzerie: la pasta, il pane o la focaccia fatti in casa hanno più sapore e una fetta di crostata con marmellata, si sa, è più genuina delle classiche merendine confezionate: preparare da soli una confettura di fragolead esempio, è una scelta sana, semplice ed economica!

8. Come adottare un albero da frutta o un ulivo

In modo simile a ciò che avviene per l’adozione di una mucca, è possibile adottare a distanza anche un albero da frutta (mele, pere, albicocche ecc.) oppure un ulivo, ottenendo una serie di vantaggi. Oltre al risparmio è fondamentale comprendere l’importanza di mangiare frutta di stagione appena colta, di cui si conosce la provenienza.

Stesso discorso per l’olio extravergine d’oliva. Ricevere i prodotti comodamente a casa e senza spese di spedizione aggiuntive, è ciò che di meglio si possa sperare. Alcune aziende offrono anche la libertà di acquistare più prodotti tipici del territorio, spesso proponendo visite guidate sul posto per osservare con i propri occhi le fasi di lavorazione.

Giovanni Bizzaro

Assistente web marketing di 6sicuro, coordino blogger e giornalisti gestendo e pianificando il calendario editoriale. Mi occupo inoltre di strategie sui social network per aziende e privati.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*