730 precompilato: tutto quello che devi sapere

È disponibile il 730 precompilato per le dichiarazioni dei redditi di dipendenti e pensionati. È un passo verso la semplificazione fiscale sebbene non manchino le polemiche.

730 precompilato

730 precompilato

I tecnici hanno messo a punto un modello di dichiarazione dei redditi che preleva automaticamente tutti i dati già in possesso dell’Amministrazione Finanziaria, primi fra tutti quelli del vecchio CUD, ora Certificazione Unica, trasmessi dai datori di lavoro o dagli enti pensionistici.

730 precompilato: accesso al modello

Come già detto, è possibile prelevare online il documento a partire dal 15 aprile. Si tratta del modello 730/2016 relativo ai redditi 2015. Due le strade per ottenerlo:

  • direttamente sul sito dell’Agenzia delle Entrate previa richiesta del PIN per il cassetto fiscale;
  • rivolgendosi ad intermediari abilitati come CAF, commercialisti o consulenti del lavoro.

Per poter accedere è dunque necessario ottenere i propri PIN e password personali che consentono la navigazione all’interno dell’area riservata sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

I suddetti codici possono essere richiesti:

  • direttamente online;
  • al call center dell’Agenzia delle Entrate che risponde al numero 848.800.444;
  • presso gli uffici dell’Agenzia.

Per ottenere PIN e password sono necessarie circa un paio di settimane poiché una parte di essi vengono recapitati a mezzo posta (è importante conoscere la tempistica, vista la necessità di rispettare le scadenze fiscali). Oltre alle opzioni sopra citate, si può accedere mediante la Carta Nazionale dei Servizi (in questo caso PIN e password si ottengono immediatamente) oppure con il PIN dispositivo INPS, che garantisce l’accesso al sito dell’Agenzia delle Entrate attraverso il portale dell’Istitutito di Previdenza.

Il 730 contiene una serie di informazioni fornite da diversi attori:

  • Anagrafe tributaria;
  • sostituti d’imposta tenuti a rilasciare la certificazione del compensi;
  • soggetti che erogano mutui agrari e fondiari, imprese di assicuratrici, enti previdenziali e forme pensionistiche
  • medici e centri medici per le informazioni relative alle spese sanitarie deducibili;
  • università per le spese di iscrizione e frequenza degli atenei;
  • soggetti che nel 2015 hanno emesso fatture relative a spese funebri.

Il modello è visualizzabile esclusivamente online e il contribuente non può ricevere alcuna copia cartacea o via mail.
Una volta presa visione del modello e dei dati contenuti, il contribuente potrà decidere di accettare la dichiarazione e questo lo esonererà da qualsiasi controllo fiscale in merito.

730 precompilato: tutto quello che devi sapere730 precompilato: tutto quello che devi sapere http://bit.ly/1yTeUYg via @6sicuro

730 precompilato: le integrazioni

Nel caso in cui il contribuente verifichi la mancanza di informazioni oppure che alcuni dei dati debbano essere rivisti, potrà apportare delle modifiche. Questo capiterà tutte le volte che bisognerà inserire spese sanitarie che non risultano già da precompilato, altri redditi o modificare i fabbricati, in attesa di una maggiore integrazione fra i sistemi.

Ma attenzione! Nel momento in cui deciderai di “mettere mano” alla dichiarazione, si ritornerà ai metodi tradizionali e dunque il Fisco potrà operare i consueti controlli su quanto dichiarato. Inoltre se si ricorre ai servizi di CAF o professionisti abilitati, come i commercialisti, questi saranno responsabili degli eventuali errori commessi in sede di revisione e/o integrazione dei dati.

730 precompilato congiunto

Una delle opportunità concesse mediante il 730 precompilato è quella di poter procedere alla compilazione e all’invio congiunto da parte dei coniugi.

Il 730 precompilato congiunto consente di dichiarare in un unico modello i redditi di entrambi i coniugi, in modo da poter compensare i debiti di un coniuge con i crediti dell’altro direttamente in dichiarazione.

Per ottenere un modello precompilato congiunto, sarà sufficiente accedere al 730 precompilato di un dei due coniugi e integrarlo con i dati anagrafici e reddituali dell’altro coniuge. Come visto in precedenza si tratterà pertanto di una dichiarazione con integrazioni, il che comporta sanzioni in caso di errori.

Date e scadenze per il 730 precompilato

Ricapitoliamo le diverse date da tenere a mente per completare le operazioni sul 730 precompilato:

  • dal 15 aprile è possibile visualizzare il modello;
  • dal 2 maggio sarà possibile accettare o modificare il modello al fine di chiudere l’adempimento;
  • il 7 luglio è l’ultimo giorno utile per accettare il modello o trasmetterlo con le integrazioni;
  • fino al 10 novembre i sostituti d’imposta, i CAF e i professionisti abilitati, potranno accedere al modello per trasmettere le dichiarazioni rettificative o integrative.

730 precompilato: costi per le diverse modalità di invio

Come detto nei paragrafi precedenti, sono diverse le modalità di accettazione/presentazione del modello 730 precompilato. Questo significa anche costi diversi a seconda di come si intende procedere:

  • Accettazione/integrazione autonoma. Questa operazione non comporta alcun esborso economico, ma è sicuramente quella più onerosa in termini di tempo, visto che bisogna recuperare gli accessi e seguire passo per passo le istruzioni.
  • Caf/Consulenti. Rivolgersi ad un CAF o ad un professionista abilitato comporta il pagamento di una parcella, ma come vedremo nel paragrafo successivo, potrebbe essere una garanzia in caso di errori. Le tariffe oscillano tra i 30 e i 100 euro a seconda del soggetto a cui ci si rivolge, all’eventuale tesseramento (ad esempio ad un patronato) e alla complessità della situazione del contribuente, si pensi a chi possiede molti immobili.

Le sanzioni

La questione della responsabilità e delle relative sanzioni è stata già oggetto di trattazione su queste pagine ed è fonte di grande polemica su tutta la questione del 730 precompilato. I professionisti fanno presente che sarà quasi impossibile per il contribuente accettare il modello così com’è: ancora troppi gli oneri detraibili e deducibili che andranno aggiunti per integrare la dichiarazione.

In caso di errori a CAF e professionisti verrà richiesta direttamente “una somma pari all’importo dell’imposta, della sanzione e degli interessi che sarebbero stati richiesti al contribuente“; imposte, sanzioni e interessi che verranno addebitati direttamente al contribuente nel caso proceda in autonomia con integrazione ed invio della dichiarazione.

Michela Calculli

Dagli studi professionali tra Milano e Torino al blog personale, passando per un'esperienza televisiva che ha segnato la svolta. Tre grandi passioni: la scrittura, il fisco, la semplicità. Sempre in equilibrio tra famiglia e professione tra comunicazione e aggiornamento fiscale.

Commenti Facebook

20 Commenti

  1. Avatar
    DANILO TIROCCHI novembre 21, 2014

    E questa sarebbe la riforma fiscale? ennesima presa per i fondelli per lavoratori dipendenti e pensionati, cioè quelli che danno il maggior gettito fiscale all’erario. A quando la detraibilità totale all’anglosassone, unico modo per battere l’evasione. Continuiamo a farci prendere in giro da quattro politicanti incapaci!

    Rispondi
  2. Avatar
    antonio novembre 21, 2014

    Ma in caso di dichiarazione congiunta per richiedere il pin online si devono fare due richieste ognuna con il proprio reddito complessivo, oppure una sola richiesta sommando i redditi complessivi dei due coniugi ?

    Rispondi
  3. Avatar
    francesco novembre 22, 2014

    non sarà una semplificazione, anzi creerà nuovi disagi ed ansie,spece per le persone anziane, in oltre il 90% dei 730 dovranno essere modificati da spese sanitarie, interessi su mutui, spese ristrutturazioni personali e condominiali, polizze infortuni ecc., conclusione a prenderla lì, saranno sempre i contribuenti

    Rispondi
  4. Avatar
    Giovanni novembre 23, 2014

    Io credo che bisogna mettere le mani obbligatoriamente al modello 730. Ci sono gli oneri deducibili che l’agenzia delle entrate non può conoscere e che purtroppo le abbiamo quasi tutti. Inoltre vi sono le agevolazioni varie sulla casa: Ristrutturazioni, Sostituzione caldaia, finestre, tassa cedolare secca, ecc.
    ecc. Apparentemente potrebbe sembrare un sollievo, ma va bene solo per chi non possiede nulla.

    Rispondi
  5. Avatar
    angelo aprile 23, 2015

    Continuano a trattare i cittadini come beceri servi sciocchi che devono essere sempre pronti a pagare,trasparenti in tutto, da ricordare Il marchese del grillo io son io gli altri (i cittadini ) non sono un c….o. Perchè i cittadini devono essere trasparenti in tutto mentre gli atti fatti dalle amministrazioni publiche ed i vari contratti per servizi spesso affidati senza gara ad evidenza publica sono sempre sgretati in nome della praivasi?
    Vedasi gestione dei contratti Dell’Auditorium di roma che per evitare trasparenza per la gestione anno creato una fondazione ad oc ,maquesto è solo un piccolo esempio ma significativo.
    Meditate gente, Meditate..

    Rispondi
  6. Avatar
    Sandro aprile 23, 2015

    Penso che il 730 precompilato sia una buona cosa io farò delle modifiche inserendo le spese sanitarie e dato che sono una persona onesta non ho paura dei controlli. Chi deve inserire altre spese può fare come gli altri anni si rivolge al caaf e per lui non cambia nulla. Per questo ringrazio chi ha avuto l’idea.

    Rispondi
    • Avatar
      maurizio maggio 04, 2015

      Bravo finalmente qualcuno che ha capito tutto !!!!!!
      MA FORSE NON HA CAPITO CHE QUESTA NUOVA IMPOSIZIONE SUGLI UNICI CHE DEVONO DICHIARARE TUTTO COMPORTERA’ OLTRE AL ROMPIMENTO DI… ANCHE UNA NUOVA TASSA CHE DOVRA’ ESSERE PAGATA AL CAAF.

      Rispondi
      • Avatar
        LeM maggio 05, 2015

        Se lo modifichi on-line non devi pagare nulla (e neppure muoverti di casa).
        Se hai paura di sbagliare, devi pagare un professionista/CAF che ne sa più di te, nient’altro che come l’anno scorso.
        Se sai già che potresti fare il furbo e fino all’anno scorso approfittavi del fatto che nessuno controllava, mi dispiace per te ma non possiamo lamentarci se adesso fanno dei controlli.

        Rispondi
      • Avatar
        LeM maggio 05, 2015

        Per quanto riguarda la “tassa” CAF: e’ una scelta, pagando quella cifra i rischi sono tutti del CAF (sanzioni, ammende, interessi), ovvio che non lo facciano gratis (ma tu lavori gratis?).

        Rispondi
  7. Avatar
    Vito Mancino aprile 23, 2015

    Una bufala… per mio figlio, non è stato predisposto… per me e mia moglie invece non è visualizzabile… su 4 componenenti, per 3 non è disponibile e la quarta non ha reddito… fate un po voi…

    Rispondi
  8. Avatar
    giuseppe aprile 23, 2015

    Condivido appieno quanto detto da Danilo. E’ l’ennesima presa per i fondelli!!!!

    Rispondi
  9. Avatar
    ivana aprile 24, 2015

    Ho scaricato i modelli per tutta la famiglia, e sorpresa, io sono dipendente pubblica e il mio CU se pure erogato per tempo dall’amministrazione per cui lavoro non e stato usato per compilare il 730 così dovrò rivolgermi al CAF per il completamento. Se i disguidi si presentano anche tra uffici statali posso immaginare cosa succede con i privati

    Rispondi
  10. Avatar
    Umberto aprile 24, 2015

    Bella rivoluzione, tipica del pallonaro che governa il paese a fior di balle e dei suoi ministri/e. Se uno non ha nessuna proprietà, non ha mai visto un medico o dentista a pagamento, non paga bollo auto ecc se pò fà, ma in questo caso si può anche non fare il 730 o come si chiami ora

    Rispondi
  11. Avatar
    ginco aprile 24, 2015

    G.Lenzi
    Evviva,tutti quelli che si avvalevano del 730 congiunto precompilato e che potevano rivolgersi al CAF gratuitamente ora per il congiunto che non ha il sostituto di imposta dovranno compilare il modello unico pagando al CAF circa 40 euro!!!!!

    Rispondi
  12. Avatar
    Ampelio aprile 24, 2015

    Perché non avete lasciata la compilazione come gli anni passati ? Tutto era più facile.
    Quest’anno è un orrore.Che Dio Vi punisca.

    Rispondi
  13. Avatar
    vincenzo balzanellw aprile 26, 2015

    Ho chiesto il pin tramite la procedura on line ma della seconda parte che mi dovrebbe arrivare per posta nemmeno l’ombra.
    Un anno fa mi recai personalmente presso l’agenzia delle entrate di Caserta e mi feci consegnare la prima parte del pin. Attesi a lungo l’arrivo per posta della seconda parte ma non mi e’ mai arrivato. Inviai allo scopo di ottenerlo una raccomandata di sollecito ma l’agenzia ne mi rispose ne mi invio’ il pin.
    Ho chiesto il pin di mia madre per telefono tramite il risponditore automatico dell’agenzia delle Entrate ma e’ praticamente impossibile seguire la procedura perche’ il risponditore detta le istruzioni in una maniera talmente veloce che e’ impossibile seguirlo. Io sono giovane e non sono riuscito a scrivere i numeri dettati. Mi chiedo:e’ mai stata fatta una prova da chi ha istituito questa segreteria? Cosa fanno i dipendenti dell’agenzia delle entrate di caserta?? Che non mandano i pin e non rispondono alle raccomandate fatte pervuna giusta richiesta?.

    Rispondi
  14. Avatar
    Cesare aprile 30, 2015

    Siete tutti molto prevenuti, quest’anno è una prova e sappiamo benissimo che mancano gran parte dei dati delle spese da portare in detrazione. Ma dove sta il problema nessuno ci costringe a fare il 730 on line chi non ci vuol provare o è restio a qualsiasi cambiamento faccia come ha sempre fatto.
    Io ho ricevuto il PIN ho scaricato il modello è stato tutto semplicissimo ora deve solo essere integrato dei dati mancanti!!

    Rispondi
  15. Avatar
    Maria aprile 06, 2016

    Lamentablemente il Acli mi ha fatto pagare 90 € per compilar il 730 mio e il di mio marito dopo la agenzia fa una verifica e mi ritrovo con un bestiale sbaglio. …fine della storia devo pagar alla agenzia della entrate più da 500€ da multa…il Acli solo mi riconosce 80€ e dopo 2 mesi …queste anno niente Acli. ..

    Rispondi
  16. Avatar
    Ruffino Antonino aprile 06, 2016

    Io sono un ex emigrato percepisco io e mia moglie la pensione di vebcchiaia della C.H. cosa devo scrivere sul 730.?

    Rispondi
    • Avatar
      Michela Calculli maggio 24, 2016

      Ciao Antonino,
      dovrete dichiarare le vostre pensioni, lo Stato italiano ha delle convenzioni con i paesi esteri al fine di evitare la doppia tassazione.

      Rispondi

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*