Per leggere è meglio il Kindle o l’iPad?

Kindle o Ipad?

Pochi giorni fa Riccardo metteva a confronto due modi di interpretare le notizie e la lettura, ovvero l’editoria digitale e quella cartacea.

Se è vero che nel mondo tecnologicamente evoluto in cui viviamo esistono due tipi distinti di editoria, è anche vero che esistono supporti diversi per i diversi modi di leggere. La domanda che mi sento spesso porre è la seguente “ma come mai usi un reader e non un iPad?”.
Ecco il punto: come mai un Kindle e non un iPad? Fondamentalmente per un motivo semplicissimo ovvero che uno è fatto per leggere e l’altro no.


L’iPad è un tablet, e come tale serve per fare tutto quello che si fa con un computer o uno smartphone: serve per Internet, per la posta elettronica, per i social network, per fare grafici, per dipingere, ascoltare musica, guardare film e anche per leggere. Anche per leggere, mentre il Kindle serve SOLO a quello.

E’ come, per capirci, paragonare l’acqua e il vino: sono due liquidi, certo, ma sono completamente diversi.

Infatti, un ebook reader come il Kindle, è dotato di una tecnologia definita e-ink, o inchiostro elettronico: in pratica si tratta, per capirci bene, di inchiostro che viene distribuito su un foglio di carta simulato (quindi nero su bianco) emulando in tutto e per tutto l’esperienza della lettura cartacea.
Inchiostro su un foglio. Nulla di più e nulla di meno.
Quindi non si legge al buio perché non ha un display retroilluminato, non dà fastidio alla vista più di un libro tradizionale, non esistono problemi di angolazioni di lettura come sui display di cellulari e tablet, consuma batteria solo quando si “volta pagina” e quindi la durata è anche di 30 o 40 giorni, e nel peso di poco più di un etto e mezzo ci stanno quasi 1500 libri.
Anche il sistema di acquisto e gestione dei libri su Amazon è semplificato e reso su misura per il reader: in pratica è sufficiente scegliere il libro che si vuole e comprarlo con un clik. In quel momento il libro passerà attraverso la connessione wireless al vostro Kindle il quale avrà sempre una copia di backup di tutti i libri in remoto, sul sito di Amazon appunto.
Un click, un libro. Senza uscire di casa, senza spostarsi, senza spedizioni e senza andare in libreria.

Quindi la scelta, come al solito, dipende da voi: se siete persone che amano la lettura (senza entrare in meccanismi di difesa del libro come “io amo l’odore della carta”), che leggono molto e che vogliono investire in qualcosa che migliorerà la loro esperienza di lettura risparmiando anche sull’acquisto dei libri, il Kindle è perfetto.
Se siete persone a cui capita ogni tanto di leggere in formato elettronico ma preferite la carta dei libri allora tenetevi il vostro iPad.

Di una cosa sono certo: due anni fa scrivevo che i reader avrebbero sostituito i libri in pochissimo tempo. Mi hanno preso per pazzo dicendo che il libro non se ne sarebbe andato con facilità (anche se io non ho mai pensato, con facilità).
Oggi le vendite degli ebook superano quelle dei libri tradizionali.

Quindi, voi che leggete questo post e sostenete che vi piace l’odore della carta, a voi io dico… è solo questione di tempo 😉

Rudy Bandiera

Giornalista e consulente in ambito Web, docente di “online marketing e comunicazione Web” presso master universitari e aziende. Fondatore ed amministratore delegato di NetPropaganda, una “social media agency” che si occupa di Web e di comunicazione non convenzionale.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*