Compro un tablet o un computer portatile?

Tablet

Prendo un iPad o un notebook?

Prima di essere aggredito dal primo che capita da queste parti, mi sento in dovere di fare una precisazione e una premessa: so benissimo che computer portatile (sia PC o Mac) e tablet sono due cose totalmente diverse che per molti aspetti non hanno nulla in comune. So benissimo che sono nicchie diverse per un pubblico diverso ma, visto che sento sempre più gente farsi la domanda in questione, ho pensato fosse quantomeno corretto tentare di dare una risposta pubblica, in modo che ci si possa togliere qualche dubbio in più tutti.

In questo articolo mi voglio riferire in particolare all’unico competotir vero del tablet, ovvero l’ultrabook: quei piccoli portatili ultrapotenti che si accendono in 8 secondi e che sono l’unica alternativa plausibile ad un tablet, per certi aspetti.

Ma andiamo con ordine.

  • Tablet

I tablet sono quelle tavolette appunto, che permettono di fare un uso intensivo della Rete anche in mobilità. Il più diffuso (talmente diffuso da essere generalmente considerato l’unico) è certamente Apple iPad, ma ce ne sono molti altri di ottima fattura, come ad esempio la famiglia Samsung Galaxy Tab con Android come sistema operativo.

Noi partiamo dal presupposto che entrambi abbiano simili capacità, prestazioni e funzionalità, così come faremo per gli ultrabook.

I tablet fanno all’incirca quello che fa un evoluto smartphone come potrebbe essere un Galaxy S3 o un iPhone 5, ma lo fanno lasciando all’utente una percezione di maggiore comodità grazie alle dimensioni.

La grandezza standard di 10 pollici infatti, induce un uso molto intuitivo e semplice da imparare, essendo esattamente a “dimensione di mano”.

Una delle differenza tra i vari modelli da tenere presente è la possibilità o meno di inserire una scheda SIM (esattamente come in un cellulare) un’opportunità che non ci permette di telefonare (ricordiamoci che con i tablet generalmente non si può telefonare) ma di navigare Internet in mobilità, esattamente come con il telefonino.

Senza scheda SIM il tablet può navigare solo nelle vicinanze di una rete wireless alla quale avete accesso, come a casa vostra ad esempio, in ufficio e così via.

Leggero, trasportabilissimo, perfetto per avere tutto quello che si ha su un telefono ma a dimensione molto più usabile. Perfetto per guardare film, ottimo per leggere libri (anche se non paragonabile ad un vero ebook reader come il Kindle) e straordinario per l’utilizzo della Rete, che sia per leggere il quotidiano preferito, guardare Youtube o leggere la posta elettronica.

  • Computer portatili (Ultrabook)

In questi anni la vendita dei computer desktop (quelli con il case che sia appoggia per terra e al quale attaccare monitor, tastiera e tutto il resto) sono in crollo totale in favore delle vendite dei portatili, siano essi Mac o PC. Infatti, a differenza di qualche anno fa, i computer portatili raggiungono prestazioni straordinarie pur mantenendo pesi e dimensioni ridottissime. Non dimentichiamo, tra l’altro, che i computer portatili possono essere collegati al monitor, al mouse e alla tastiera all’occorrenza, così come a tutti gli altri device “da ufficio”. Di fatto un portatile diventa un desktop in ogni momento. Cosa che al contrario non è possibile.

Gli ultrabook in particolare hanno dei processori molto potenti e dei dischi allo stato solito (funzionano con lo stesso principio delle memorie SD che mettete nei cellulari, per capirci) che permettono loro l’avvio in meno di 10 secondi qualunque sistema operativo montino, e delle prestazioni davvero eccellenti.

Queste macchine pesano poco (ma comunque sempre molto più di un tablet) sono trasportabili ma sono certamente meno “pronte” di un tablet: non sono sempre accese e sempre connesse, non hanno generalmente una SIM interna quindi per navigare necessitano di una connessione wireless oppure di una chiavetta con SIM (le famose chiavette USB per navigare).

Hanno però al proprio interno tutti i software produttivi che si possano immaginare e quindi sono perfetti come macchie da lavoro complete e estremamente professionali. Anche in mobilità.

  • Quindi, quale scegliere?

Il prezzo, dato da non sottovalutare. Gli ultrabook sono ancora cari (non si trova nulla sotto i 1.000 €) ma se pensiamo che hanno prestazioni impressionanti in un chilo e mezzo di alluminio e tecnologia, capiamo dove vanno a finire i soldi.

I tablet si trovano (anche ottimi tablet, su Amazon ad esempio) partendo da 400€ ma è evidente che le prestazioni e le necessità da soddisfare sono del tutto diverse.

La domanda che vi dovete fare è semplice: cosa ci devo fare con il dispositivo che comprerò?

Se dovete fare quello che potreste fare con uno smartphone di ultima generazione, ma in maniera molto più comoda e performante allora prendete un tablet. Se leggete la posta, il giornale, i libri, mostrate presentazioni multimediali, avete la necessità di lavorare spesso in mobilità (non di portare in giro un device ma di lavorarci durante il viaggio) e se avete già un computer “normale” di appoggio con il quale fare il resto, allora prendete un tablet.

Se invece avete la necessità di una macchina completa con la quale fare tutto quello che si è in grado di fare con un computer, che vi permetta di lavorare anche offline (il tablet offline non ha molto motivo d’essere), che vi permetta non solo di usufruire di materiale ma anche di crearlo e di crearlo agevolmente (come presentazioni, editing video, grafica ecc.) allora comprate un ultrabook.

Rudy Bandiera

Giornalista e consulente in ambito Web, docente di “online marketing e comunicazione Web” presso master universitari e aziende. Fondatore ed amministratore delegato di NetPropaganda, una “social media agency” che si occupa di Web e di comunicazione non convenzionale.

Commenti Facebook

9 Commenti

  1. Avatar
    Indeciso ottobre 13, 2013

    A distanza di un anno, con l’avvento degli ibridi (tablet pc) dotati anche di Windows 8 pro, cosa consiglieresti?

    Rispondi
  2. Avatar
    Camilla novembre 20, 2013

    Io scrivo articoli e faccio traduzioni, più delle volte mi devo collegare a più siti contemporaneamente………. non ho ancora le idee chiare se posso comprare un tablet…. dovrei lavorare in treno, mentre viaggio…..

    Rispondi
  3. Avatar
    mariella Cucurachi novembre 24, 2013

    Ciao, ma il tablet quindi ha il vantaggio della leggerezza e trasportabilità rispetto al computer

    Rispondi
  4. Avatar
    Luca Nicoletti gennaio 26, 2014

    Io sono amante del computer. Ho un Vaio Sony che non cambierei mai. L’unico problema sono le batterie. La batteria del mio sony dopo 8 mesi era da buttare. Ho cercato qualcosa di compatibile e a quel tempo non trovai nulla di economico. La batteria originale costava oltre 200 euro. Poi nel tempo ho lasciato perdere.

    Mi sono abituato a cercare treni con le prese elettriche, a lavorare nelle sale d’aspetto e nei posti dove si possa collegare un PC alla rete elettrica. Ma è molto limitante. Quindi anche se nessuno ci pensa, la cosa più importante è: l’autonomia del PC/tablet e il costo della batteria di ricambio.

    Rispondi
  5. Avatar
    Daria gennaio 27, 2014

    Preferisco un tablet, come SONY XPERIA

    Rispondi
  6. Avatar
    liriana settembre 27, 2014

    In casa posseggo un computer portatile grande e quando mi devo spostare e’ un oggetto abbastanza pesante da trasportare. Sono una pensionata e certamente non mi collego spesso al computer, pero’ al bisogno mi serve per e-mail, foto, ricerche in generale, skip, leggere un giornale, vedere film ecc. in sostanza visto che non posseggo un smartphone perche’ non e’ maneggevole come il mio vecchio cellulare, che carico ogni quattro o cinque giorni e non tutti i giorni, personalmente lo ritengo troppo grande per l’uso che ne faccio poiche’ mi trovo spesso in montagna e lo posso deporre in piccoli spazi, sono indecisa tra comprare un computer piccolo, un tablet o altro, visto che non me ne intendo vorrei un consiglio nella scelta. grazie

    Rispondi
  7. Avatar
    anna maria bordoni febbraio 12, 2015

    Ho già un portatile Asus, piccolo ma non troppo per i miei spostamenti Italia/estero.

    Appartengo ad una generazione anziana e sono piuttosto digiuna in fatto di tecnologia; so solo che vorrei qualcosa di leggero e maneggevole nonché prestante per leggere mail e collegarsi a internet senza troppi problemi.

    Mi può dare una dritta?
    Grazie mille in anticipo

    Rispondi
  8. Avatar
    Stefano febbraio 22, 2015

    Buongiorno Rudy, sono spesso all’estero x lavoro. Ho un portatile HP, ma x questione di peso e dimensioni, pensavo ad un tablet. Uso il computer x navigare, leggere posta fare preventivi, fatture e creare cartelle.
    Il tablet può andare bene? Molti me lo sconsigliano.
    Grazie x la risposta.
    Cordiali saluti…..Stefano

    Rispondi
  9. Avatar
    Antonio aprile 28, 2015

    Buongiorno Rudy, da breve tempo per due – tre volte la settimana sono impegnato in convegni per lavoro ed utilizzo un portatile da sostituire mentre a casa ho un PC fisso. I colleghi mi consigliano di sostituire il portatile con un Tablet per le dimensioni, il peso la velocità e per la comodità. Io sono indeciso ed ho dei dubbi: 1° mi occorre una memoria con almeno lo spazio occupato da due Bibbie e 300 foto il tutto non compresso. 2° si può utilizzare Excel e Office. 3° le batterie durano come quelle di un PC. 4° quale costa meno per il mio utilizzo.

    Ti ringrazio per una risposta

    Cordiali saluti da Antonio

    Rispondi

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*