Arriva il freddo: catene o gomme termiche?

Catene o gomme termiche?

Il freddo alle porte, è ora di pensare a come attrezzare la nostra cara auto per affrontare le vicissitudini dell’inverno. Dallo scorso anno, in molte zone d’Italia vige l’obbligo di circolare con pneumatici invernali o con catene a bordo da novembre ad aprile, pena sanzioni che vanno da 80 € a un massimo di 318 €, meno 3 punti della patente (obbligo valido anche per i possessori di 4×4).

Quindi, innanzitutto, vi invitiamo a consultare l’elenco completo delle strade e autostrade dove è obbligatorio montare gomme invernali: potete guardare sul sito della Polizia Italiana, oppure nel sito della vostra regione di appartenenza. In sostanza, questo obbligo fa sì che l’automobilista sia costretto ad avere o le termiche o le catene a bordo, perché è molto probabile che percorra una tratta che preveda questo equipaggiamento.

Qual è dunque la soluzione più adatta tra le due? Beh, tutto dipende dal luogo in cui si abita e dell’uso che si fa della propria macchina: ecco alcune considerazioni che possono aiutarvi nella scelta.

  • Gomme termiche

Le gomme termiche sono un tipo di pneumatico con tasselli più profondi rispetto a quelli estivi, che lo rendono particolarmente adatto a rotolare su superfici bagnate, innevate e fangose. Questo perché all’interno delle scanalature della gomma filtrano acqua e neve, e il pneumatico di fatto si “aggrappa” al fondo stradale, riducendo lo slittamento e il cosiddetto “acquaplaning”.

Le gomme termiche hanno una funzione “preventiva”: garantendo maggiore aderenza del veicolo alla strada e maggiore stabilità, vengono montate per affrontare tutti i tipi di condizioni del manto stradale, e non necessariamente in condizioni di neve. In pratica, è una soluzione che garantisce a prescindere più sicurezza, in quanto il comportamento del pneumatico estivo su strada bagnata è molto imprevedibile.

Occhio a quando decidete di acquistarle: dopo l’entrata in vigore della suddetta legge, c’è maggiore difficoltà nel reperire treni di gomme termiche, soprattutto per le misure più diffuse. È bene muoversi per tempo, iniziando già da ora ad informarsi on-line o chiedendo preventivi presso il gommista.

  • Catene invernali

Le catene invernali, a differenza delle gomme termiche, servono soltanto in caso di emergenza: possono essere utilizzate solo in presenza di neve e vanno tolte una volta terminata la loro funzione. Il grande svantaggio delle catene, dunque, è che bisogna montarle e rismontarle subito. Inoltre, quando sono su, va tentua una velocità molto bassa per evitare che si rompano (danneggiando anche la macchina) oppure che rovinino l’asfalto.

Le catene da neve devono essere montate sulle ruote motrici e garantiscono un’aderenza alla strada molto più alta delle termiche. Possono rotolare su strade molto innevate e non battute, su salite, mucchi di neve, e ghiaccio puro: tutte quelle situazioni dove anche le termiche hanno difficoltà.

Anche qui, fate attenzione: sono considerate tali soltanto le catene cosiddette “normali” o “rompighiaccio”, mentre non vengono considerate agli obblighi di legge i cosiddetti “ragni” (catene di plastica), le catene spray (un prodotto fatto di resina che va spruzzato e poi lasciato asciugare) e le “calze” (particolari tessuto che riveste la gomma). Occhio, dunque, quando procedete all’acquisto: le catene devono essere metalliche e omologate.

  • Quindi, quale soluzione scegliere?

Dipende tutto da dove abitate. Se siete in una zona montana/alpina dove la neve cade più volte l’anno e in grande quantità, dovreste averle tutte e due: le termiche per girare sempre, e le catene per tirarvi fuori da situazioni difficili.

Se abitate in una delle tante regioni italiane dove la neve cade una volta l’anno, per intenderci, vi conviene soltanto avere le termiche: in caso di manto stradale impraticabile restate a casa, oppure muovetevi con i mezzi pubblici. In ogni caso, sarebbe bene che ogni famiglia abbia almeno una macchina dotata di catene, sempre per casi di emergenza.

Se invece vivete in zone dove siete sicuri che la neve non cade mai (e la pioggia raramente), ma vige l l’obbligo in alcune strade, allora conviene avere soltanto le catene: le userete per esibirle in caso di controllo.

Oppure, se abitate in pianura ma d’inverno andate almeno una volta a sciare, dovrete montare per forza pneumatici invernali: saranno obbligatori e consigliati su tutte le strade!

In definitiva, le gomme invernali sono una spesa per la sicurezza: anche se non nevicherà, viaggerete tranquilli in qualsiasi condizione climatica, senza paura di affrontare curve bagnate o brusche frenate in caso di pioggia. Poi, dato che ovviamente le gomme non sono tutto, vige il monito universale: prudenza!

E voi, d’inverno come preferite attrezzarvi? Termiche, catene o entrambi?

Simone Moriconi

Profondo conoscitore del web e Blogger/Editor per diverse realtà editoriali, Simone Moriconi si occupa di marketing, e-commerce e comunicazione (online e offline), offrendo i suoi servizi di consulenza ad aziende, organizzazioni e persone

Commenti Facebook

5 Commenti

  1. Avatar
    MINCUZZI LEONARDO novembre 28, 2013

    Ciao SIMONE con 10 cm di neve le gomme termiche vanno bene? GRAZIE

    Rispondi
  2. Avatar
    Rodolfo Viano ottobre 15, 2015

    Abito a Torino ed uso la mia auto (Fiat Punto) prevalentemente in città e d’intorni e su autostrade. Preciso che faccio un uso moderato dell’auto
    ed in 7 anni ho fatto circa 35 mila km.Cosa mi conviene utilizzare le gomme termiche, quelle invernali o le 4 stagioni? Tenga conto che sono munito
    di catene a bordo tutto l’anno. Grazie

    Rispondi
  3. Avatar
    sergio comparin ottobre 16, 2016

    Buona serata gentilmente x una macchina 4×4 come mi devo comportare, grazie.

    Rispondi
  4. Avatar
    Daniele novembre 06, 2016

    Salve, nell’articolo dice che i cosiddetti ragni non sono omologati ma non è esatto, le catene del gruppo Maggi e anche altre marche sono del tipo a ragno e sono completamente in metallo e omologate.

    Rispondi

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*