Limite contanti: nuove regole su pagamenti e ipotesi sanatoria

Abbassamento del limite sui contanti e una sanatoria sul denaro non dichiarato al Fisco: sono due delle ipotesi al vaglio del Governo per la Legge di Bilancio 2018.

limite contanti

La prossima Legge di Bilancio abbasserà il limite di pagamento in contanti e favorirà l’uso dei pagamenti elettronici. Lo scopo è quello di ridurre l’evasione. A questo proposito, si parla anche di una possibile sanatoria per chi dichiara contanti nascosti al Fisco.

Limite contanti più basso e fatturazione elettronica per tutti

Secondo le anticipazioni circolate in questi giorni, la Legge di Bilancio probabilmente conterrà diverse norme che regolano i pagamenti in contanti e in moneta elettronica.

Il limite all’uso dei contanti dovrebbe essere abbassato: attualmente si può pagare in contanti fino a 3.000 euro (per le operazioni di money transfer il limite è invece di 1.000 euro). Parallelamente, dovrebbe essere incentivato l’uso di carte di credito e moneta elettronica, che permettono di tracciare i trasferimenti di denaro e ridurre il rischio di evasione.

Un’altra norma che dovrebbe entrare nel testo finale della Legge di Bilancio 2018 riguarda l‘estensione della fatturazione elettronica a professionisti e imprese private. Il nuovo sistema ridurrebbe drasticamente l’evasione e renderebbe superflue le comunicazioni periodiche dei versamenti IVA e lo spesometro.

Limite contanti: nuove regole su pagamenti e ipotesi sanatoriaLimite contanti: nuove regole su pagamenti e ipotesi sanatoria http://bit.ly/2fCYhzu via @6sicuro

Ipotesi condono sul contante

La misura su cui si sta discutendo di più in questi giorni è l’ipotesi di un condono sul contante. Secondo quanto comunicato dall’ANSA qualche giorno fa, il Governo avrebbe pensato a una sanatoria per far emergere parte dei contanti detenuti dagli italiani e non dichiarati al Fisco.

Stando alle stime del procuratore capo di Milano, i contanti non dichiarati ammontano a circa 150-200 miliardi di euro. L’idea sarebbe quella di tassare a forfait (si parla del 35%) la somma dichiarata e vincolare chi dichiara il possesso di contanti ad acquistare una quota di titoli di Stato.

L’ipotesi di un condono sul contante è stata criticata da più parti, soprattutto perché è alto il rischio che si traduca in un’operazione di riciclaggio di denaro sporco.

Chi detiene contanti all’estero fino al 30 settembre può ancora aderire all’operazione di voluntary disclosure bis e far rientrare in Italia i capitali non dichiarati in precedenza.

Luana Galanti

Ho una laurea specialistica in Consulenza e direzione aziendale e, da sempre, un legame indissolubile con le parole scritte. Le mie due anime – quella creativa e quella pragmatica – si confondono nel mio lavoro di web writer e business writer freelance.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*