Visura catastale: cos’è, a cosa serve e come richiederla

La visura catastale è il documento a cui fare riferimento per sapere quali informazioni sono registrate al catasto relativamente a un immobile o un terreno. Ecco come richiederla.

visura catastale

La visura catastale è il documento che raccoglie le informazioni ottenute dalla consultazione degli atti e dei documenti registrati al catasto e relativi a terreni o fabbricati sul territorio italiano. Sono in particolare quatto le tipologie di informazioni che si possono ottenere tramite una visura catastale:

  • informazioni su localizzazione e profilo reddituale di terreni e fabbricati;
  • informazioni anagrafiche sui proprietari di terreni e fabbricati;
  • mappe catastali dei terreni e planimetrie delle abitazioni;
  • documenti riguardanti gli aggiornamenti delle registrazioni catastali.

Visura catastale: come farne richiesta

Le modalità di richiesta della visura catastale sono diverse a seconda che chi vuole ricevere informazioni sia o meno il proprietario dell’immobile o del terreno o goda di diritti reali di godimento su di esso.

Per i proprietari di terreni e fabbricati la consultazione della visura catastale sui propri beni è gratuita. La richiesta può essere fatta direttamente all’Ufficio Provinciale – Territorio dell’Agenzia delle Entrate, presso gli sportelli del catasto predisposti nei Comuni, nelle Associazioni di Comuni, nelle Unioni di Comuni o presso le Comunità montane o, in alternativa, online sul sito dell’Agenzia delle Entrate, tramite il servizio “consultazione personale”. Per richiedere la visura catastale in via telematica è necessario essere registrati al servizio.

Per i non proprietari, invece, la visura catastale ha un costo. La richiesta di consultazione delle informazioni catastali può essere fatta attraverso diversi canali:

  • all’Ufficio Provinciale – Territorio dell’Agenzia delle Entrate;
  • presso gli uffici del catasto istituiti nei Comuni, nelle Associazioni di Comuni, nei Gruppi di Comuni e nelle Comunità montane;
  • online sul sito dell’Agenzia delle Entrate tramite la piattaforma Sister;
  • presso uno “Sportello Amico” degli uffici postali, compilando il modulo di richiesta della visura catastale;
  • il servizio di Poste Italiane denominato Certitel documenti catastali, che permette di ricevere le visure via mail o tramite posta raccomandata.

Ad ogni modo bisogna considerare che se le informazioni di cui si ha bisogno sono contenute esclusivamente in formato cartaceo, per ottenere la visura catastale bisognerà rivolgersi all’Ufficio Provinciale – Territorio della provincia di competenza, compilando l’apposito modulo di richiesta.

Visura catastale: le ricerche che possono essere svolte

Le ricerche di base che possono essere fatte sono due: per immobile o per soggetto. La ricerca per immobile è utile quando si conosce l’indirizzo dell’immobile oppure la particella catastale corrispondente a un terreno o a un edificio. La ricerca per soggetto, invece, è possibile quando si conoscono i dati anagrafici del proprietario dell’immobile. Attraverso questi dati si possono ottenere le informazioni relative sia agli immobili sia ai terreni.

Un altro tipo di ricerca è quella per partita. In questo caso bisogna indicare il numero identificativo dell’intestatario dei terreni o il numero identificativo dell’intestatario dei fabbricati.

Se invece si ha interesse a conoscere la situazione catastale di un terreno o di un fabbricato in un preciso momento si può richiedere una ricerca per periodo di riferimento. Questo tipo di ricerca permette di avere informazioni sullo stato attuale di un terreno o di un fabbricato oppure può includere tutte le registrazioni riferite al periodo richiesto.

Visura catastale: cos'è, a cosa serve e come richiederlaVisura catastale: cos’è, a cosa serve e come richiederla http://bit.ly/2fuUzox via @6sicuro

Visura catastale: quali sono le informazioni incluse nel documento

A seconda che si riferisca a un immobile o a un terreno, la visura catastale contiene informazioni differenti. Nel caso dei fabbricati le informazioni includono:

  • l’indirizzo, completo di tutte le informazioni necessarie a identificare la proprietà (come via, scala, piano e interno);
  • la zona censuaria, vale a dire la zona del Comune dove sorge l’immobile;
  • la categoria e la classe, cioè informazioni riguardanti il tipo di immobile e la sua redditività;
  • la consistenza, che fa riferimento alla grandezza dell’immobile e che, a seconda della categoria, è espressa in vani, in metri quadrati o in metri cubi;
  • la rendita, calcolata in base a categoria, consistenza, classe e zona censuaria.

Per i terreni, invece, le informazioni registrate nel catasto si riferiscono a:

  • qualità e classe, elementi che indicano la destinazione d’uso del terreno e la sua produttività;
  • superficie, espressa in ettari, are e centiare;
  • reddito agricolo e reddito dominicale, calcolati sulla base di redditività e qualità del terreno.

Visura catastale: a cosa serve

La visura catastale serve innanzitutto a verificare la correttezza dei dati riportati nel catasto (in caso di irregolarità si può richiedere la rettifica dei dati all’Agenzia delle Entrate). Verificare che non ci siano errori è molto importante, dal momento che i dati catastali – la rendita dell’immobile e il reddito dominicale dei terreni – sono i parametri usati per calcolare le imposte sulle proprietà, come l’IMU e la TASI.

C’è bisogno di presentare una visura catastale anche quando si registra un contratto di locazione o quando c’è la compravendita di un immobile. Normalmente, richiedono una visura anche le banche per la concessione di un mutuo e gli enti ai quali ci si rivolge per l’allacciamento di un’utenza.

È importante ricordare che la visura catastale non ha valore probatorio, perché i dati registrati nel catasto non dimostrano l’effettiva proprietà dell’immobile.

Luana Galanti

Ho una laurea specialistica in Consulenza e direzione aziendale e, da sempre, un legame indissolubile con le parole scritte. Le mie due anime – quella creativa e quella pragmatica – si confondono nel mio lavoro di web writer e business writer freelance.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*