Canone Rai speciale: cos’è e quando non va pagato

I titolari di attività d'impresa e di partite IVA stanno ricevendo i bollettini per il pagamento del canone Rai speciale: ecco di cosa si tratta e quando l'imposta non va pagata.

canone rai speciale

Se sei un libero professionista, hai un’azienda o una partita IVA è probabile che abbia ricevuto il bollettino per il versamento del canone Rai speciale. E aprendo la lettera ti sarai chiesto se lo devi pagare oppure no. Cerchiamo di capire di cosa si tratta e quando non va pagato.

Canone Rai speciale: chi deve pagarlo

Il canone Rai speciale è l’imposta addebitata ai titolari di un’impresa, ai liberi professionisti o a chi ha un’attività aperta al pubblico; in pratica è l’esatto corrispondente per le aziende del canone Rai ad uso privato.

L’importo del canone Rai speciale varia a seconda del tipo di attività svolta, del tipo di segnale ricevuto (radio o TV) e del numero di apparecchi posseduti. La norma prevede che:

devono pagare il canone speciale coloro che detengono uno o più apparecchi atti o adattabili alla ricezione delle trasmissioni radiotelevisive in esercizi pubblici, in locali aperti al pubblico o comunque fuori dell’ambito familiare.

Il canone Rai speciale è dovuto quindi da hotel, studi professionali, bed and breakfast, associazioni, circoli, sedi di partiti politici, negozi, ecc. Sono invece esclusi dal pagamento del canone speciale le scuole, gli enti pubblici e i centri sociali diurni per anziani.

Il canone Rai speciale va pagato ogni tre mesi, ogni sei mesi o con cadenza annuale e va rinnovato anno per anno.

Canone Rai speciale: cos'è e quando non va pagatoCanone Rai speciale: cos’è e quando non va pagato http://bit.ly/2ux5qH6 via @6sicuro

Canone Rai speciale: quando non devi pagarlo

Il canone speciale non è dovuto se si possiede solo un computer o un televisore sprovvisto di sintonizzatore.  Lo ha specificato la nota del 22 febbraio 2012 del Ministero dello Sviluppo Economico:

solo apparecchi atti o adattabili a ricevere il segnale audio/video attraverso la piattaforma terrestre e/o satellitare sono assoggettabili a canone TV. Ne consegue che di per sé i computer, se consentono l’ascolto e/o la visione dei programmi radiotelevisivi via Internet e non attraverso la ricezione del segnale digitale terrestre o satellitare, ed i vecchi televisori analogici non sono assoggettabili a canone.

Se hai una partita IVA e hai ricevuto la richiesta di pagamento del canone Rai speciale non dovrai pagare, dunque, a meno che tu non abbia un dispositivo con sintonizzatore oppure la tua attività preveda l’uso degli apparecchi al di fuori del contesto familiare.

Come chiedere l’esenzione del canone Rai

Se hai ricevuto la richiesta di pagamento del canone Rai speciale ma non sei tenuto a pagarlo, devi inviare una raccomandata agli uffici Rai chiedendo la disdetta dell’abbonamento. Ti ricordiamo inoltre che se non hai una TV non devi pagare nemmeno il canone Rai a uso domestico.

L’esenzione del canone Rai va richiesta ogni anno, compilando e inviando la dichiarazione sostitutiva di non detenzione.

Canone Rai Speciale: lettera e bollettino di pagamento

Il canone Rai speciale è arrivato anche da 6sicuro e, per aiutarti, abbiamo deciso di caricare la lettera e il bollettino di pagamento che potresti ricevere anche tu.

Luana Galanti

Ho una laurea specialistica in Consulenza e direzione aziendale e, da sempre, un legame indissolubile con le parole scritte. Le mie due anime – quella creativa e quella pragmatica – si confondono nel mio lavoro di web writer e business writer freelance.

Commenti Facebook

1 Commento

  1. Avatar
    nicola luglio 11, 2017

    ma stiamo scherzando!!!!
    ogni anno va comunicata l’esenzione?
    e con raccomandata per di più…..
    mi pare strano…

    Rispondi

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*