Affitti brevi: è in arrivo la tassa?

Il PD presenta un emendamento che regola gli affitti brevi, prevista un'imposta del 21% che andrà a coinvolgere un mercato piuttosto ampio nel nostro paese.

affitti brevi tassa

Il PD, nella legge di bilancio, presenta un emendamento che regola gli affitti brevi. Prevista nel testo un’imposta del 21% che andrà a coinvolgere un mercato piuttosto ampio nel nostro paese.

Affitti brevi: imposta del 21% su ogni locazione

Un sito web molto conosciuto è Airbnb, dove proprietari e affittuari si mettono in contatto per concordare affitti di breve durata, siano questi necessari ad una vacanza o ad un breve soggiorno di lavoro. Ebbene, sulla base dell’emendamento presentato dal PD, su ciascun affitto di questo tipo verrà applicata un’imposta del 21%.

Oltre ad Airbnb, sono molti i siti web dove si possono finalizzare contratti di breve durata. Nel nostro paese l’attività di affitti brevi è molto frequente anche tra coloro che non hanno un lavoro. Lo stesso Airbnb dichiara che il 24% degli italiani che affittano una proprietà percepiscono un reddito che non supera i 13mila 600 euro all’anno.

Il famoso portale, il cui ricavo nel 2015 è stato di circa 900 milioni di dollari, ha in Italia ben 83mila utenti iscritti che mettono in affitto i loro immobili. In generale, Airbnb conta 1 milione 348mila iscritti nel nostro paese e i ricavi sono dichiarati al Fisco sotto la relativa aliquota Irpef. Tuttavia è ipotizzabile che il settore produca evasione fiscale, data anche la mancanza di una regolamentazione, e l’emendamento del PD intende arginarla prelevando dai portali il 21% su ogni affitto concluso versandolo all’erario.

Affitti brevi: in arrivo la tassa?Affitti brevi: in arrivo la tassa? http://bit.ly/2ewGOtW via @6sicuro

Affitti brevi: Renzi nega la tassa

Gli albergatori non hanno mai nascosto il disappunto nei confronti degli affitti brevi di immobili, che negli ultimi anni hanno visto una vera e propria proliferazione. A risentire di questa tendenza sono state proprio le strutture alberghiere, che hanno perso mercato a favore di soluzioni messe a disposizione dai privati, talvolta più economiche e flessibili ma senza una regolamentazione.

L’emendamento è ad oggi solo una proposta, e sarà necessario attendere la votazione per sapere se sarà uno degli elementi della manovra oppure no. Ma il Premier Renzi ha commentato attraverso il suo profilo Twitter:

“Nessuna nuova tassa in legge di bilancio, nessuna. Nemmeno Airbnb. Finché sono premier io, le tasse si abbassano e non si alzano.”

Francesco Candeo

Studio, pianifico e implemento i modi migliori per raccontare in rete le persone e le loro attività. Amo ogni tipo di linguaggio, specie se digitale, e mi occupo di ciò che rende interessante il web: i contenuti.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*