Aumento bollette: nel 2017 pagheremo di più

Aumento bollette: il 2017 sarà un anno da bollino rosso per acqua e Tari. Luce e gas forse stabili, a meno che non si registrino altri aumenti dei costi e servizi. Vediamo cosa succederà.

aumento bollette

Il prossimo anno sarà davvero pesante per molte famiglie italiane. Ciò che preoccupa è il continuo crescere dei prezzi in bolletta che non si appresta ad arrestarsi. La stangata danneggerà ancora una volta le fasce più deboli della popolazione come anziani e nuclei familiari con redditi minimi. I problemi maggiori ai bilanci familiari arriveranno dall’aumento delle bollette di Tari e Acqua.

Cerchiamo di capire nel dettaglio ciò che accadrà alle nostre bollette di acqua, luce, gas e rifiuti, il perché dovremmo pagare di più e come poter arginare questi importanti costi.

Aumento bollette 2017: cosa cambia per la Tari?

L’aumento prevederà un rincaro dell’1% sulla tassa dei rifiuti, anche se ancora non confermato, sembra essere davvero già in bolletta. Nel 2014 la Tari ha sostituito la Tarsu e la Tares, oggi viene calcolata in base a due fattori: il numero di persone che alloggia nell’immobile e la superficie calpestabile dell’immobile stesso.

Dal 2000 al 2016 le imposte sui rifiuti sono aumentate del 232%, un quadro davvero preoccupante se aggiungiamo il rincaro del 100% sulla bollette dell’acqua, del 61% della luce e del 35% del gas.

Unito a quello dell’acqua ci porta il 7% in più delle tasse da pagare, il che nel 2017 è un grave affronto ai risparmi degli italiani.

Aumento bollette: quanto pagheremo per l’acqua?

La Federconsumatori avvisa che aumenterà anche la bolletta dell’acqua. Di quanto? Del 6% in fattura, unito al rincaro sulla bolletta dei rifiuti, ci metterà in a conto un aumento del 7% totale, il che non è poco. Quando in bolletta leggi MT2 sta ad indicare il metodo tariffario del secondo ciclo, che fa riferimento al triennio 2016-2019, ed è proprio in questo periodo che si calcolerà l’aumento sulle tariffe dell’acqua.

Ma perché devi pagare di più? Purtroppo i consumi di acqua registrati sono aumentati e l’Autorità Pubblica per far fronte ai costi ha pensato di aumentare le tariffe per sostenere le spese di gestione. Ecco spiegato l’aumento dell’acqua, che non ci solleva di certo, ma che ci aiuta a capire meglio ciò che sta succedendo alla nostra bolletta.

Aumento bollette: nel 2017 pagheremo di piùAumento bollette: nel 2017 pagheremo di più http://bit.ly/2efyoXT via @6sicuro

Alle bollette di luce e gas cosa succederà?

Luce e gas sembrano incoraggianti, ma non esultare troppo: dovrebbero rimanere stabili. Nel 2016 abbiamo pagato meno che nel 2015 (il calo registrato è del 2,7%) e ciò è dovuto al calo dei consumi energetici e alla riforma varata dall’Autorità per l’energia.

Per il 2017 sembrano esserci notizie rincuoranti, con il calo dei consumi, la negoziazione dei contratti, la diminuzione del prezzo del petrolio al barile che si attesta intorno ai 50 dollari e l’aumento dell’uso delle fonti rinnovabili, potrebbero portare ad una stasi dei prezzi sulle bollette di luce e gas.

Siamo davvero salvi per la luce e gas?

Non cantare vittoria troppo in fretta, le bollette di luce e gas dovrebbero rimanere invariate a meno che non ci siano degli aggravi per quanto riguarda i costi di gestione dei servizi. Quante volte ti è capitato di vedere in bolletta un consumo minimo e una fattura gravosa da pagare? Ecco, questo è quello che succede ad avere un minor costo della materia prima e un costo maggiore per la gestione del servizio di fornitura.

energia
Le famiglie italiane hanno un’unica certezza, nel 2017 pagheranno bollette più salate per acqua e rifiuti e di certo quella contrazione del 2,7% sulle bollette di luce e gas non riuscirà ad alleggerire le spese in fattura per l’anno nuovo.

Monia Taglienti

Social Media Strategist e Blogger, amo pianificare i contenuti da raccontare in rete per le persone e le aziende. Mi attrae ogni forma di comunicazione, da quella digitale a quella artistica, perché il processo di relazione tra persone passa proprio da ciò di cui si parla e ciò di cui non si parla.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*