RC Auto a 150 euro per tutti!

RC Auto a 150 euro

Rivoluzione all’interno del comparto assicurativo: il mercato non potrà più essere segmentato per area geografica, età, anni di conseguimento della patente, tipologia di veicolo assicurato, e frequenza degli incidenti. Previsti, inoltre, tagli nel 2015 per l’RC Auto.

Cosa è successo?

È stata approvata in commissione bilancio, all’unanimità, la legge che obbliga le compagnie assicuratrici a rispettare il limite annuale di 150 euro annuali previsto dalla legge 180 del 1978 (G.U. n. 990 del 24 dicembre 1969) per la responsabilità civile verso terzi prevista dell’art. 2054 del C.C. e che nessuna compagnia, finora, ha mai rispettato.

È stata, inoltre, abrogata l’esclusiva di dieci anni per i contratti assicurativi, azzerando in tal modo le spese a carico del cliente per il cambio di assicurazione, e l’esclusiva degli agenti assicurativi monomandatari.

L’ideatore e primo firmatario della legge, un Senatore del Movimento 5 Stelle ha subito affermato:

«Siamo stati accusati di non avere idee e proposte, questa è la dimostrazione che il nostro movimento ha le soluzioni per ridurre seriamente le spese dei cittadini, altro che gli 80 euro di Renzi, noi non abbiamo paura di metterci contro le lobby. Comunque siamo grati al PD e alla Lega che su questa nostra proposta non hanno fatto ostruzionismo votandola all’unanimità».

Nel 2015 Rc Auto a 150 euro per tutti: la notizia del webRC Auto a 150 euro per tutti http://bit.ly/1vdsrXZ via @6sicuro

La notizia è una bufala

La notizia è una bufala che ha invaso il web grazie ad una condivisione “selvaggia” sui social network e che è stata erroneamente ripresa da alcune testate giornalistiche. Il nostro consiglio è quello di verificare sempre la fonte delle notizie e accertarsi della veridicità prima di diffonderla per non creare, come in questo caso, falsi abbagli.

In questo caso la legge 180 del 1978 è la “Legge Basaglia” inerente i trattamenti sanitari obbligatori, non esiste alcun senatore M5S che ha mai pronunciato queste parole e la testata è il “Corriere del mattino“, un sito satirico che pubblica notizie inventate.

Giada Marangone

Giornalista e blogger, collabora con alcune testate e magazine nazionali e si occupa di comunicazione on e off line e marketing per Enti, imprese ed associazioni. Possiede una consolidata esperienza nella direzione marketing e comunicazione di affermate realtà del panorama italiano ed internazionale. È stata referente per la Provincia di Udine dei redazionali e del sito internet del Servizio Lavoro, Collocamento e Formazione.

Commenti Facebook

14 Commenti

  1. Avatar
    moretto luglio 02, 2014

    e solo una bufala colossale le assicurazzioni sono strozzini autorizzati dallo stato la colpa e solo nostra che non ci ribelliamo

    Rispondi
  2. Avatar
    gianvarlo luglio 02, 2014

    Si tratta di bufala..purtroppo..continueremo a pagare per cilindrata provincia e età del conducente…ma vi pare che ci faranno questo regalo?per caritá ci sarebbe da fare una rivoluzione..solo di ssn paghiamo dalle 40 alle 90 euro annualmente..vi pare che lo stato ci farebbe questo favore

    Rispondi
  3. Avatar
    leonardo luglio 02, 2014

    La notizia potrebbe anche essere vera,solo che in ITALIA queste vengono dette evidentemente in un momento di sonno profondo: SOGNO!!!!!!

    Rispondi
  4. Avatar
    michele luglio 02, 2014

    sarebbe un grandissimo risparmio x tutti gli italiani se fosse vero

    Rispondi
  5. Avatar
    constantin luglio 02, 2014

    Per me non cè niente vero..Nel 2005 con Sara Assicurazioni ho pagato 1800 euro per un Doblò 1.3 multijet ….è una vergogna…….adesso per stessa macchina pago 367 euro e sono molto contento….Conte.IT.

    Rispondi
  6. Avatar
    santino luglio 02, 2014

    Che altra barzelletta italiana si sono inventata. Ormai i politici anno messo su un naso che supera quello di pinocchio.

    Rispondi
  7. Avatar
    giovanni cardascia luglio 03, 2014

    E’ vero, è una bufala,ma perché non farla diventare realtà?
    Basterebbe che i politici votassero con i voti sufficienti per l’approvazione, una legge che tutelasse gli automobilisti e non le compagnie d’assicurazione.Sarebbe un pò come approvare gli aumenti dei loro stipendi:-
    Detto fatto.

    Rispondi
  8. Avatar
    Andrey Kazak luglio 03, 2014

    Io già pagò 120 euro!!!! In Bulgaria…

    Rispondi
  9. Avatar
    giuseppe luglio 03, 2014

    Tra pochi anni in Italia sarà tutto gratis e non vuole ritornare più nessuno,solo perche non è rimasto nulla

    Rispondi
  10. Avatar
    salvio luglio 03, 2014

    Intanto io vado in giro in scooter senza assicurazione. E’ troppo cara w lo.scooter mi serve per andare a lavoro.

    Rispondi
  11. Avatar
    pinco luglio 03, 2014

    Salve, sarebbe bello se fosse vero. Io vivo in “EUROPA” e pago 350€ l’anno full casco. Se fossimo in Europa, potremmo fare l’RCA ovunque…..ma questo non è possibile perchè le lobby non lo permettono, ma il nostro governo è bravo a farci dire quale reti dobbiamo usare per la pesca in mare, ma non è in grado di accettare le leggi favorevoli ai cittadini Italiani.
    Grazie Renzi & C.

    Rispondi
  12. Avatar
    marco feudo luglio 10, 2014

    con le assicurazioni straniere con sede in italia c’è molta convenienza io sono anni che passo da un preventivo all’altro ed ogni volta ottengo risparmi notevoli e ottimi servizi è l’unico modo per raggirare questa massa di….assicuratori dei noti marchi italiani fate come me e mi darete ragione

    Rispondi
  13. Avatar
    Angelo luglio 10, 2014

    Visto che la bufala ha avuto consensi, rendiamola vera inviando sul sito di 5 stelle la richiesta di abolire le aree geografiche e pagare tutti la stessa tariffa. Se si ruba lo si fa con la connivenza di alcuni soggetti delle assicurazioni

    Rispondi
  14. Avatar
    Luigigb@gmail.com novembre 01, 2015

    Si capisce subito che è una bufala perché il pd non avrebbe mai votato una legge a favore del popolo italiano! Ps a proposito degli 80€….in busta paga gli ho visti solo un mese… E poi ogni mese ho preso meno….

    Rispondi

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*