Patente A: tutte le novità per la moto

Patente A: tutte le novità per la moto

Cambiano i tempi e con essi la burocrazia. Sotto la spinta delle normative comunitarie, sono infatti stati introdotti un nuovo formato e modificati i requisiti per il conseguimento della patente A. Il “libretto rosa” viene definitivamente messo da parte, sostituito dal più pratico tesserino.

Per quanto riguarda invece gli aspetti amministrativi, la filosofia alla base della nuova patente per le due ruote è quella dell’accesso progressivo. Il tentativo è chiaro, almeno nelle intenzioni del legislatore: subordinare le cilindrate più potenti a un “percorso formativo” graduale, che prevede il superamento di appositi esami teorici e pratici.

Percorso che non ha mancato di suscitare preoccupazione e qualche polemica tra gli irriducibili delle due ruote, che lamentano l’ennesimo tentativo di spillare soldi al cittadino a tutto vantaggio delle autoscuole.

Niente più “patentino”!

La categoria A è stata suddivisa in quattro gruppi, che si differenziano per l’età minima di accesso e per cilindrata e potenza massima sotto la sella. Ognuno di questi permette automaticamente di guidare tutte le moto che rientrano nei gruppi minori.

  1. Patente AM: la si può fare già a 14 anni. Permette di guidare ciclomotori a 2 o 3 ruote e quadri cicli leggeri con cilindrata massima di 50cc, o potenza massima di 4kW se elettrici, e limitati a 45 chilometri l’ora di velocità massima. Con questo tipo di patente è possibile trasportare un passeggero solo dopo aver compiuto 18 anni.
  2. Patente A1: età minima, 16 anni. Permette di guidare mezzi a due ruote con una cilindrata massima di 125cc e potenza massima di 11kW. Non consente di portare il passeggero.
  3. Patente A2: si può ottenere a 18 anni. Con questo tipo di patente è possibile guidare motocicli di 35kW di potenza massima, con rapporto peso/potenza massimo di 0,2kW/kg. Eventuali motocicli che sono stati depotenziati apposta per entrare nella categoria A2 non potranno partire da un modello base che in origine aveva più di 70kW.
  4. Patente A: età minima, 20 anni (se si è conseguita la A2 almeno due anni prima), oppure 24 anni. Permette di guidare tutti i tipi di motociclo.

La patente B, dal canto suo, permette invece di guidare tutti i veicoli compresi nella categoria A1, ma se il titolare ha già compiuto 21 anni può guidare anche tricicli di potenza superiore ai 15kW.

Oltre alla suddivisione in categorie, è stato stabilito che ci si potrà preparare solo nelle autoscuole. Addio corsi di formazione presso gli istituti scolastici, insomma, mentre non cambia nulla per coloro che vogliono tentare la sorte da “privatista”.

Non ci sono ancora molte informazioni sui prezzi: presentarsi all’esame da privatista dovrebbe costare meno di 200 euro. In tutti i casi, i prezzi variano da autoscuola ad autoscuola, anche se da quando sono entrate in vigore le nuove norme le cifre sembrano essersi stabilizzate attorno ai 300 euro, cui aggiungere il costo delle guide.

Sul fronte degli esami pratici per la patente A, non tutto è andato liscio. Alcuni uffici provinciali della Motorizzazione hanno infatti rilevato difficoltà nel preparare adeguatamente gli spazi da adibire alle prove pratiche. Perché non basta più superare il giro a “8” che tutti i motociclisti conoscono. Le nuove norme prevedono infatti una serie di prove di destrezza.

Equilibrio a velocità ridotta, passaggio in un corridoio stretto di 45 metri per 1,10-1,30, superamento di un ostacolo alla velocità minima di 50 chilometri orari, prova di frenata improvvisa ad almeno 50 chilometri orari usando entrambi i freni.

Prove che rendono l’esame molto più impegnativo, ma che richiedono il giusto spazio. In alcuni casi le Motorizzazioni non sono riuscite ad adeguarsi. Da qui la scelta di prolungare la validità di alcuni “fogli rosa” di imminente scadenza, in attesa che la situazione si sblocchi.

Piero Babudro

Giornalista pubblicista, consulente, social media strategist, community manager, docente. Scrive di nuove tecnologie e comunicazione di massa, studiando da vicino i cambiamenti sociali e di consumo introdotti dai media interattivi.

Commenti Facebook

1 Commento

  1. Avatar
    Fabiano luglio 24, 2016

    Ho la patente b da 25 anni e vorrei usare uno scooterone da almeno 500 cc quale tipo di patente devo fare?

    Rispondi

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*