Gli avvocati si scagliano contro le nuove norme sull’Rc auto

Gli avvocati si scagliano contro le nuove norme sull'Rc auto

Nuove norme Rc Auto e contestazioni

Secondo l’Organismo unitario dell’avvocatura italiana (OUA), le innovazioni nel campo delle assicurazioni introdotte a dicembre con Destinazione Italia, decreto legge 145/2013 in vigore dal 24 dicembre scorso, sarebbero tutt’altro che favorevoli per i clienti e per le agenzie che si occupano di Rc Auto.

RC Auto e Destinazione Italia

È quanto emerge della commissione Rc dell’OUA che è concorde nell’affermare che il nuovo decreto (in attesa che il Parlamento lo converta in legge) potrebbe addirittura aumentare i casi di contenzioso e accrescere il malcontento tra gli assicurati. La nuova misura prevede infatti l’introduzione di una scontistica del 7% sulla polizza a patto che venga installato sul veicolo assicurato un dispositivo elettronico che, in caso di incidente, rilevi una serie di informazioni come la localizzazione geografica, la velocità di percorrenza, l’accelerazione, la decelerazione, la marcia inserita, il regime di rotazione del motore e l’eventuale attivazione di airbag. I dati registrati potranno essere utilizzati in caso di contenzioso salvo che la controparte non ne dimostri il malfunzionamento.

La contestazione

Se l’ordine degli avvocati è concorde nell’introduzione, in caso di contenzioso,  della “scatola nera”, non lo è altrettanto che quest’ultima venga ritenuta come piena prova (non ritiene necessario cioè che il danneggiato debba provare che le dinamiche dell’incidente siano andate diversamente da quanto certificato dalla scatola nera); sostiene inoltre che questo potrebbe addirittura far aumentare i raggiri a scapito delle agenzie di assicurazione e dei loro clienti.

L’OUA promuove invece la creazione di un’agenzia antifrode volta a contrastare il verificarsi di casi controversi e obblighi le agenzie di assicurazioni a denunciare situazioni dubbie. Con le nuove norme a perderci non sarebbero solamente gli assicuratori ma anche i piccoli carrozzieri che sono certi di essere “tagliati fuori” dagli accordi tra le assicurazioni e i grandi centri e officine convenzionati.

In “Destinazione Italia” è infatti previsto che, salvo in caso di concorso di colpa, è facoltà delle agenzie di assicurazione decidere se risarcire per equivalente (in denaro) oppure in forma specifica (far riparare il veicolo in una carrozzeria convenzionata e fornire garanzia non inferiore ai 2 anni per tutte le parti non soggette ad usura ordinaria). Nel primo caso il contraente potrà beneficiare di uno sconto del 4% sulla polizza, nel secondo del 5%. Il danneggiato può rifiutare il risarcimento in forma specifica affidandosi a un carrozziere di propria fiducia ma il costo non potrà superare quello stabilito dal rivenditori convenzionato. L’associazione degli assicuratori (Ania) ritiene che questa scontistica obbligatoria violi il principio di libertà tariffaria.

Gli avvocati si scagliano contro le nuove norme sull’Rc auto
Gli avvocati si scagliano contro le nuove norme sull’c auto: http://bit.ly/1hDwU0M @6sicuro

Cosa dice l’Europa?

Le norme europee stabiliscono che i premi non sono coercibili e, pertanto, secondo l’avvocatura si andrà certamente verso l’eliminazione di tali sconti e, di fatto, rimarranno in vigore solo i nuovi obblighi a carico degli assicurati come quello di presentare immediatamente i testimoni al momento della denuncia del sinistro o nel caso di prima richiesta di risarcimento danni. La commissione RC dell’Organismo unitario dell’avvocatura ritiene che questo vada a ledere i diritti al giusto processo e alla difesa perché, in caso di testimoni che a seguito di un incidente abbiano riportato lesioni gravi e/o siano costretti a soggiornare in ospedale per un periodo di tempo lungo, si vada incontro alla riduzione del termine di prescrizione (3 mesi).

 

Giada Marangone

Giornalista e blogger, collabora con alcune testate e magazine nazionali e si occupa di comunicazione on e off line e marketing per Enti, imprese ed associazioni. Possiede una consolidata esperienza nella direzione marketing e comunicazione di affermate realtà del panorama italiano ed internazionale. È stata referente per la Provincia di Udine dei redazionali e del sito internet del Servizio Lavoro, Collocamento e Formazione.

Commenti Facebook

3 Commenti

  1. Avatar
    italo gennaio 29, 2014

    salve vorrei informazioni circa l’introduzione delle nuove norme nel campo rca, in particolare, nel caso in cui si abbia un sinistro si deve indicare il testimone al momento della compilazione del modello cai
    grazie

    Rispondi
  2. Avatar
    oscar gennaio 29, 2014

    egr assicurazioni dovreste essere promotori per togliere tutti i cartelli del dare la precedenza.agli incroci a mio parere ci deve essere o il semaforo o il cartello dello stop..cosi facendo una strada e libera l’altra e obbligato a fermarsi in caso di sinistro e chiara la responsabilità che deve essere al 100×100 e non al 70 o addirittura al 50..lo trovo assurdo questo codice stradale assolutamente non adeguato ai tempi odierni,ogni volta che salgo in auto o in moto non so se torno a casa……

    Rispondi
  3. Avatar
    Dante gennaio 30, 2014

    Dico solo che ogni volta si riesce a peggiorare le cose…che vergogna…è un grande schifo…ormai le assicurazioni hanno un costo spropositato in Italia…ogni giorno viene sempre fuori qualcosa da farci vergognare di vivere in questo paese…anzichè rimboccarsi le maniche e darsi da fare per migliorare l’Italia…non se ne può più…BASTA!!!

    Rispondi

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*