Attestato di rischio: come averlo

attestato-di-rischio

La tua assicurazione auto sta per scadere e non hai ancora ricevuto l’attestato di rischio? Male! Non ti preoccupare troppo però, che poi ti viene la gastrite. Puoi richiederlo subito alla tua compagnia assicurativa e ti spieghiamo come. E se il tuo contratto scade dopo il 1 luglio 2015 c’è anche una novità che semplifica la tua dura vita di automobilista. Sempre che la proposta di regolamento IVASS venga approvata, ti terremo aggiornato.

Sai cos’è un attestato di rischio? È il documento dove sono riportate tutte le informazioni riguardanti la storia assicurativa del contraente, ovvero gli eventuali sinistri denunciati negli ultimi 5 anni e la classe di appartenenza CU (Bonus/Malus). Ogni anno, 30 giorni prima della scadenza della polizza assicurativa, la compagnia deve inviare l’attestato di rischio al cliente. Questo è importante non solo per controllare la nostra pagella di bravi automobilisti, ma anche nel caso volessimo cambiare compagnia e magari scegliere un’assicurazione online.

E adesso per la serie: fai una domanda e datti una risposta, veniamo alle questioni fondamentali.

Cosa fare se la compagnia assicurativa non mi ha inviato l’attestato di rischio?

Se la tua polizza assicurativa scade tra meno di 30 giorni e la compagnia non ti ha ancora inviato l’attestato di rischio è sufficiente che tu invii una comunicazione scritta dove contesti questa mancanza.
Ogni compagnia assicurativa ha infatti l’obbligo di spedirti questo documento, insieme anche a un’informativa che contiene tutti i dati relativi al tuo contratto.

La mancata comunicazione è una violazione del Regolamento 4/2006 dell’ISVAP (ora IVASS: l’Istituto di Vigilanza delle Assicurazioni).

Inoltre, come è riportato sul sito ufficiale dell’IVASS: “nel caso di contratti che contengono clausole di tacito rinnovo stipulati prima del 20 ottobre 2012, l’impresa deve comunicare anche la perdita di efficacia di tali clausole, ai sensi di quanto previsto dal decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito nella legge 17 dicembre 2012, n. 221; il cliente è infatti libero di cambiare compagnia, senza necessità di dare disdetta.

Visto che ti vogliamo bene, abbiamo scritto per te il fac-simile della lettera di contestazione da inviare.

Ho ricevuto l’attestato di rischio, ma le informazioni sono errate, che cosa devo fare?

Hai finalmente ricevuto il tuo attestato di rischio, lo leggi soddisfatto perché sai di essere stato un automobilista modello e poi trovi una bella sorpresa.
Il documento riporta un sinistro che non conosci o per il quale pensavi di avere ragione e ti è stato risarcito. Sei sceso verso l’Inferno delle classi di merito, il Malus si avvicina. Quando è sfiga è sfiga!

Contatta subito la tua compagnia assicurativa e segnala l’accaduto, potrebbe trattarsi di un semplice errore e una volta segnalato sarà corretto.

Devi sapere che quando si verifica un sinistro, le compagnie di assicurazione non possono applicare alcuna variazione di classe di merito prima di aver verificato l’effettiva responsabilità del contraente. Lo stabilisce il Decreto Bersani (dl 7/2007).
Se avrai difficoltà a risolvere il problema “con le buone”, allora armati di pazienza e invia alla società assicurativa un’altra raccomandata per richiedere il rilascio del documento corretto.

Qual è la validità dell’attestato di rischio?

Ora che hai tuo attestato di rischio (corretto ovviamente), puoi stare tranquillo per un po’. L’attestato di rischio ha infatti validità per un periodo di 5 anni, dopo i quali la classe CU indicata non sarà più valida per stipulare una nuova polizza assicurativa.

Arriva l’attestato di rischio elettronico

Ti abbiamo già parlato della smaterializzazione del tagliando assicurativo, ma c’è un’altra novità all’orizzonte.
L’Ivass, Istituto di vigilanza sulle Assicurazioni, ha infatti aperto in pubblica consultazione un nuovo Regolamento sulla “disciplina della banca dati attestati di rischio e dell’attestazione sullo stato del rischio di cui all’art. 134 del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209 – codice delle assicurazioni private – Dematerializzazione dell’attestato di rischio.

Queste normative forniscono nuove garanzie a sostegno degli assicurati: l’attestato di rischio elettronico e la creazione di una Banca Dati online consultabile in tempo reale dalle compagnie assicurative, permettono non solo un risparmio economico in termini di produzione cartacea, ma anche una lotta alle frodi legate alla falsificazione degli attestati di rischio.

Attestato di rischio
Arriva l’attestato di rischio elettronico http://bit.ly/1OXbu3l @6sicuro

Attestato di rischio elettronico: cosa cambia?

Tu non dovrai fare niente, quindi sorridi. Le compagnie assicurative, invece, si dovranno dare una mossa, perché il nuovo Regolamento entrerà un vigore per i contratti in scadenza dal 1° luglio 2015, per cui la Banca Dati elettronica dovrà contenere tutti gli attestati di rischio relativi.

Il nuovo attestato di rischio elettronico avrà alcuni dati aggiuntivi:
•    dovrà contenere l’indicazione della tipologia del danno pagato, specificando se trattasi di soli danni a cose, di soli danni a persone o misti (sia cose sia persone);
•    sarà consegnato all’assicurato in forma elettronica e non più con comunicazione scritta. Almeno 30 giorni prima della scadenza dell’assicurazione, il cliente potrà infatti accedere ad un’area riservata del sito web dell’impresa, scaricare il suo attestato di rischio e controllare la sua posizione assicurativa;

Il contraente avrà la possibilità di richiedere anche modalità di consegna “alternative” se previste dalla compagnia: la vecchia amica posta elettronica, app per smartphone e tablet, social network.
Menomale, forse usciamo dal Neolitico. Potrebbe essere anche un’occasione di business per nuove start-up, giusto per unire l’utile al dilettevole.
La pubblica consultazione del nuovo Regolamento si è conclusa il 6 aprile 2015, attendiamo quindi ulteriori comunicazioni che saranno online sul sito dell’Ivass.

Cosa ne pensi del nuovo attestato di rischio elettronico? Credi che sarà un mezzo concreto per contrastare le frodi assicurative?

Elena Ciurli

Sono una Web Writer, abito a San Vincenzo, il mio amato paese con vista mare in provincia di Livorno, nel cuore della Toscana. Nel tempo libero scrivo racconti e ascolto tanto rock.

Commenti Facebook

29 Commenti

  1. Avatar
    Gerolla Gianfranco maggio 07, 2015

    Finalmente, era ora. Per me che sono un subagente assicurativo queste migliorie spero mi consentano di evitare di dover far fare al cliente che non ha ricevuto l’attestato o che lo ha perso richieste alla precedente compagnia

    Rispondi
    • Avatar
      Elena Ciurli maggio 09, 2015

      Ciao Gianfranco,
      speriamo che Il nuovo Regolamento proposto dall’IVASS venga approvato presto!
      L’attestato di rischio elettronico porterebbe dei benefici sia a compagnie e subagenti, che all’assicurato, in termini di risparmio di tempo e di lotta alle frodi.
      Seguici e ti terremo aggiornato!
      Buona giornata

      Rispondi
  2. Avatar
    Walter maggio 08, 2015

    Ho venduto la mia moto 4 mesi prima della scadenza annuale dell’assicurazione, la compagnia Ass. mi ha restituito parte del premio, ma non l’attuale attestato di rischio, cosa fare nel momento che riacquisto la moto e devo riassicurare? Cambiando compagnia? Grazie

    Rispondi
    • Avatar
      lucian maggio 08, 2015

      devi essere assicurato minimo 11 mesi se vuoi che ti danno l’attestato, cosi tu sei stato assicurato solo 8 mesi in ultimo anno, quando compri un altra moto devi usare l’attestato dell’anno precedente…

      Rispondi
    • Avatar
      Elena Ciurli maggio 09, 2015

      Buongiorno Walter,
      dovrai richiedere l’attestato di rischio alla tua precedente compagnia assicurativa, questo documento sarà necessario infatti al momento della stipula del nuovo contratto.
      Buona giornata

      Rispondi
  3. Avatar
    Stelvio maggio 08, 2015

    Salve volevo chiedere un informazione questa cosa vale pure su gli scooter? La mia polizza è scaduta ma non ho ricevuto nessun attestato a casa il mio sub agente assicurativo non è piu reperibile cosa dovrei fare in questo caso grazie

    Rispondi
    • Avatar
      Elena Ciurli maggio 11, 2015

      Ciao Stelvio,
      certo l’attestato di rischio deve essere inviato all’assicurato anche se si tratta di uno scooter.
      Mettiti in contatto con la compagnia assicurativa e magari contestualmente invia una raccomandata per richiedere l’invio del documento.
      Nel post trovi un fac-simile della lettera di contestazione da inviare.

      P.S= Il documento è valido per 5 anni, ti ricordi vero? 🙂

      Buona fortuna allora 😉

      Rispondi
  4. Avatar
    Paride Pero' maggio 28, 2015

    Salve, mi posso fare inviare dalla mia compagnia assicuratrice l’attestato di rischio 2015, tramite la mia posta elettronica? Grazie!.

    Rispondi
    • Avatar
      Elena Ciurli giugno 05, 2015

      Buongiorno Paride!
      Certo, puoi richiedere il tuo attestato di rischio via mail.
      Inoltre, come da provvedimento Ivass, è previsto che tu possa riceverlo tramite consegna telematica “aggiuntiva“
      tra quelle messe a disposizione dall’impresa; ad esempio, oltre alla posta elettronica, anche tramite app per smartphone o tablet/dispositivi multimediali (Art. 7, Comma 1 del Regolamento recante la disciplina della banca dati attestati di rischio e dell’attestazione sullo stato del rischio di cui all’art. 134 del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209 – Codice delle Assicurazioni Private – dematerializzazione dell’attestato di rischio).

      Rispondi
  5. Avatar
    luigi luglio 02, 2015

    ho perso l’attestato di rischio. come faccio a richiederne una copia?

    Rispondi
    • Avatar
      Elena Ciurli luglio 07, 2015

      Ciao Luigi, contatta subito la tua compagnia assicurativa e richiedi il duplicato dell’attestato, è una procedura piuttosto semplice.

      Buona giornata! 😉

      Rispondi
  6. Avatar
    Massimo luglio 13, 2015

    Io ho un problema grave con una agenzia della Vittoria Assicurazione. Purtroppo sto uscendo da questa compagnia e non mi vogliono dare l’attestazione di rischio. Dicono che dovrei andare su internet e arrangiarmi, il problema non è solo questo, ma sul sito da cui estrapolare questo attestato risultano errori negli ultimi due anni e non si stampa…. quindi cosa faccio? Li denuncio?? La mia assicurazione è scaduta il 7 Luglio 2015. Ora sono in balia, del caldo, dei 15 giorni oltre la scadenza, della subagente assurda… e forse di una gastrite. Consigli??

    Rispondi
    • Avatar
      Elena Ciurli luglio 17, 2015

      Buongiorno Massimo,
      l’assicurazione è obbligata per legge a farti avere l’attestato di rischio (la mancata comunicazione è una violazione del Regolamento 4/2006 dell’ISVAP (ora IVASS: l’Istituto di Vigilanza delle Assicurazioni).
      Se hai trovato delle anomalie, invia loro una raccomandata con il reclamo per ottenere il rilascio dell’attestato di rischio corretto.
      Se non riesci a risolverla con le buone, segnala l’accaduto all’Ivass al numero verde 800-486661 (lun.-ven dalle 9 alle 13.30).

      Buona fortuna!

      Rispondi
  7. Avatar
    Damiano agosto 24, 2015

    io non faccio l assicurazione alla mia auto da 2 anni..ma l auto è ferma in garage..ora vorrei trovare una compagnia ma la mia ex agenzia di assicurazioni è chiusa…cioè non esiste più. ..come faccio a riavere il mio attestato di rischio? ???????????? Aiutooo

    Rispondi
    • Avatar
      Elena Ciurli agosto 29, 2015

      Ciao Damiano,
      la tua agenzia faceva riferimento ad una compagnia assicuratrice presente magari su tutto il territorio nazionale? Se sì prova a rivolgerti agli uffici centrali per richiedere il tuo attestato di rischio.

      Rispondi
  8. Avatar
    TOADER MARIA settembre 09, 2015

    Salve mi sono transferita in Germania da un anno e a Ottombre mi scade l’assicurazzione.solo che qui mi chiedono L’atestato di rischio, La mia l’assicurazzione dice che non po mandarmi’lo.cosa devo fare per trovarlo online e stamparlo io, o mi manda l’assicurazzione un email? ….grazie mille.

    Rispondi
  9. Avatar
    Angelo settembre 11, 2015

    Vorrei cambiare assicurazione, ma la nuova compagnia mi sta dicendo che non è sufficiente avere fornito l’attestato di rischio cartaceo ma occorre che la vecchia compagnia lo registri sulì’albo nazionale.
    Come devo comportarmi ? Perchè non è stata fatta la registrazione elettronica ? A chi posso rivorgermi ?

    Rispondi
    • Avatar
      Elena Ciurli febbraio 04, 2016

      Salve Angelo,
      contatta la tua vecchia assicurazione e chiedi spiegazioni a riguardo.
      Se la risposta non ti convince, ti consiglio di rivolgerti all’IVASS (l’Istituto di Vigilanza delle Assicurazioni).
      Ecco il numero verde per segnalare l’accaduto: 800-486661 (lun.-ven dalle 9 alle 13.30).

      Rispondi
  10. Avatar
    viola leo febbraio 01, 2016

    dal 2006 al 2010 circa ho avuto l’assicurazione in compagnia dal 2010 a oggi in un altra quest’ultima mi a gia mandato l’attestato di rischio la piri dice che mi devo arrangiare qualcuno mi puo aiutare. grazie ve ne serei grato

    Rispondi
    • Avatar
      Giovanni Bizzaro febbraio 08, 2016

      Ciao Viola,
      Puoi spiegarti meglio? Non ho capito quale sia la tua domanda.

      Rispondi
  11. Avatar
    antonio febbraio 12, 2016

    Salve sono antonio Curci, la mia polizza è scaduta nel 2011 e non riescono a sbloccarla. Come devo fare? La mia compagnia mi ignora.

    Rispondi
    • Avatar
      Giovanni Bizzaro febbraio 15, 2016

      Ciao Antonio,
      In che senso devi “sbloccarla”?

      Rispondi
  12. Avatar
    dumitru marzo 19, 2016

    salve vorrei fare una domanda ,, noi abbiamo comperata la prima macchina nel 2009 e nessuno non ci a detto che per fare l’assicurazione su un altra macchina serve la classe di merito della prima auto ,,,,come si po recuperare la classe di merito della prima auto,,,grazie

    Rispondi
    • Avatar
      Giovanni Bizzaro marzo 30, 2016

      Ciao Dumitru,
      il Bersani si può applicare al momento della prima assicurazione e non successivamente.

      Rispondi
  13. Avatar
    renato paciullo maggio 23, 2016

    salve,per problemi economici ho pagato solo la prima rata semestrale dell’assicurazione.ora l’assicurazione è scaduto il contratto,posso comunque richiedere l’attestato di rischio?loro mi dicono che prima di rilasciarmelo devo pagare i 6 mesi scaduti.grazie

    Rispondi
    • Avatar
      Giovanni Bizzaro maggio 24, 2016

      Ciao Renato,
      esatto, perché l’attestato viene emesso al termine dell’annualità assicurativa e non dei primi sei mesi.

      Rispondi
  14. Avatar
    mario giugno 07, 2016

    salve mi chiamo mario volevo sapere a me e scaduta la polizza il 13/04/2016 quanto tempo o per rifare una nuova assicurazione con una nuova compagnia e come fare per richiedere il mio attestato di rischio dell’assicurazione scaduta ?

    Rispondi
    • Avatar
      Giovanni Bizzaro giugno 20, 2016

      Ciao Mario,
      Puoi scaricare l’attestato dell’assicurazione scaduta dalla tua area personale sul sito della compagnia. È l’unico modo per averlo e vale 5 anni, quindi puoi aspettare fino al 2021. Nel frattempo, però, devi custodire il veicolo su un’area privata chiusa al pubblico.

      Rispondi
  15. Avatar
    MANGAR ABDELMAJID dicembre 13, 2016

    ATTESTAZIONE DELLO STATO DI RISCHIO

    Rispondi

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*