Ti appassionano gli sport estremi? Assicurati!

Assicurazione sport estremi

Quanti di voi hanno sognato almeno per una volta di gettarsi da un aereo col paracadute e volare a corpo libero, come fanno vedere in certe pubblicità? Oppure di provare senzazioni estreme con il bungee jumping, il parapendio o il rafting?

Se siete sognatori di esperienze estreme, ecco quali sono i costi per queste attività, e alcuni consigli per viverle in piena sicurezza.

  • Paracadute

E’ un po’ la moda del momento, lanciata anche grazie ai tanti smartbox che la propongono come una delle attività più emozionanti da regalare. Si tratta di lanciarsi da un aereo a 4000 metri di altezza, raggiungendo una velocità in volo di 200 km/h, prima di aprire il paracadute e atterrare. Per i novellini, ovviamente, non è possibile lanciarsi da soli! Bisogna fare il cosiddetto “lancio Tandem”: ci si butta insieme all’istruttore, che è in grado di guidarvi nel volo e aprire il paracadute al momento giusto. Spesso, c’è anche una piccola telecamera che vi riprende durante tutta la fase del volo, così potrete rivivere l’esaltante momento guardando il video a casa. Non è necessaria esperienza, basta soltanto fare un breve corso preparatorio prima del lancio, di solito organizzato dalla stessa struttura di volo. I costi per un lancio si aggirano tra i 150€ e i 250€. Non è poco, ma sicuramente da provare almeno una volta nella vita.

  • Bungee Jumping

Il bungee jumping è il salto con l’elastico in solitaria. Si viene imbracati e poi lanciati: la sensazione è quella di buttarsi letteralmente nel vuoto, per poi rimbalzare improvvisamente prima del contatto con il suolo. In questo caso non c’è bisogno di istruttore e preparazione…basta solo tanto coraggio e voglia di provare sensazioni estreme! Il salto più alto del mondo si trova in Svizzera, nei pressi di Locarno: ci si lancia dalla diga idroelettrica della Verzasca dall’altezza di 220 mt, raggiungendo una velocità di circa 100 km/h. Il costo per un lancio dal bungee jumping è molto variabile, a seconda del luogo, dell’organizzazione del parco e dell’altezza da cui ci si lancia: si va dai 25€ per lanci più “facili” ai 100€ per quelli più emozionanti.

  • Parapendio

Il parapendio è simile al paracadute, soltanto che il decollo avviene invece da un pendio montano. Si può stare in aria per parecchio tempo, pilotando il mezzo con freni ed elevatori, e lasciandosi trasportare dal vento. Anche in questo caso, per chi si lancia per la prima volta, si fa un volo in tandem, ed è l’istruttore a guidare il mezzo. I costi vanno dai 70€ ai 100€ a volo circa. Se invece si è esperti e si vuole comprare un parapendio tutto per sè, i prezzi vanno dai 2.500€ fino agli 8.000€ per modelli più avanzati. Un parapendio, in genere, non può essere utilizzato per più di 5 anni, dato che con il vento e l’umidità tende ad usurarsi.

  • Kayaking

Il kayaking è la discesa del fiume a bordo di un kayak, che può essere monoposto o biposto, e variare di difficoltà a seconda del corso d’acqua, e ovviamente della preparazione dell’appassionato. E’ uno sport che permette di vivere la natura al 100%, seguendo corsi d’acqua e rapide e godendo dei paesaggi circostanti. I costi per questa appassionante attività, che può durare anche 6 ore per escursione, vanno dai 15€ per i percorsi più brevi, a più di 30€ per le tratte lunghe e comprendono il noleggio del kayak, del giubbino salvagente e di tutta l’attrezzatura necessaria. E’ logico che prima di partire in solitaria è necessario fare un corso con l’istruttore, con costi che vanno dai 120€ ai 250€ a seconda delle lezioni.

  • Parkour

Il parkour è uno sport/attività metropolitana che consiste nel superare ostacoli di varia natura, utilizzando soltanto il proprio corpo e l’allenamento costante, per saltare su percorsi sempre più difficili. E’ una disciplina nuova, perlomeno in Italia, ma ha già un grande seguito di appassionati. Il parkour porta con sé tutta una serie di valori sul rispetto di sé stessi e dei propri limiti, per cui la filosofia di questo sport è applicabile anche alle sfide della propria vita. Il parkour è completamente gratuito, nel senso che non c’è bisogno di affittare alcun tipo di attrezzatura: bastano delle buone scarpe da ginnastica. Seguire dei corsi specifici in palestra, invece, si paga: siamo intorno ai 50€ al mese per un corso completo.

In genere, tutti gli sport estremi sono sconsigliati a chi non è in perfette condizioni di salute (cardiopatici, ipertesi, persone con patologie dentali o neurologiche…) e assolutamente vietati a donne incinte e soggetti sotto l’effetto di alcool e droghe. In molti casi però, seppure godiamo di piena salute, non possiamo essere sicuri di come il nostro organismo reagisca a sollecitazioni fisiche ed emotive di questo genere, e purtroppo, non sono rari i casi in cui praticare sport estremi apporti danni al nostro organismo.

Ecco perché consigliamo sempre, a chi fa questo tipo di attività, di valutare una polizza assicurativa sulla vita (e sulla salute in generale). E’ un modo per essere sicuri che qualunque cosa accada c’è una sicurezza per  noi e per la nostra famiglia, e potere quindi dedicarsi alla nostra passione in maniera tranquilla e tutelata.

Simone Moriconi

Profondo conoscitore del web e Blogger/Editor per diverse realtà editoriali, Simone Moriconi si occupa di marketing, e-commerce e comunicazione (online e offline), offrendo i suoi servizi di consulenza ad aziende, organizzazioni e persone

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*