RC Auto: il governo elimina l’obbligo di ricorrere al mediatore civile

Mediazione civile

Assicurazioni RC Auto

Il Governo Letta interviene a tutto campo in tema di mercato assicurativo e polizze RC Auto. Il  “decreto del Fare” manda in soffitta la mediazione obbligatoria per le dispute riguardanti l’assicurazione moto e auto. Rimangono invariate, invece, le disposizioni sulla conciliazione paritetica promossa da Unapass e dai sindacati degli agenti assicuratori.

Ma facciamo un passo indietro. La modifica si è resa necessaria dopo che, dati IVASS alla mano, le imprese assicuratrici hanno dovuto gestire qualcosa come 68mila reclami, senza contare le oltre 240mila cause per sinistri Rc Auto presentate presso gli uffici dei Giudici di pace.

Da qui la constatazione dell’esecutivo. La mediazione, introdotta decreto legislativo 28/2010 e resa obbligatoria lo scorso anno per questioni inerenti le polizze RC Auto, non ha raggiunto l’obiettivo di snellire l’iter; meglio tornare alla vecchia commissione paritetica compagnie assicurative-consumatori che, se non altro, non comporta costi aggiuntivi per compagnia e assicurato.

Nel 2010 contro la norma si era espresso l’Ordine degli avvocati. Rendere la mediazione obbligatoria è anticostituzionale, avevano detto, in quanto strumento alternativo al percorso giudiziario. Insomma, una scelta libera, non un vincolo calato dall’alto.

<<Clicca qui e TWITTALO>>
RC Auto: il governo elimina l’obbligo di ricorrere al mediatore civile http://bit.ly/168kkEs via @6sicuro

Prima di allora, l’assicurato chiedeva il risarcimento alla propria compagnia. Se la cifra non era ritenuta sufficiente a coprire i danni subiti, poteva far ricorso al giudice. Un anno fa si è stabilito l’obbligo di rivolgersi a un organismo mediatore riconosciuto dal Ministero della Giustizia, con il compito di convocare le parti entro 15 giorni e trovare assieme una soluzione extra-giudiziale. Oggi arriva il dietrofront: tutto come prima.

Sempre in tema di tariffe RC Auto, il governo Letta ha già fatto sapere di voler appianare entro ottobre le differenze di prezzo tra Nord e Sud Italia. L’idea è aprire il mercato assicurativo a nuovi operatori, favorendo le politiche di concorrenza sul prezzo. L’Italia, come purtroppo ben sappiamo, è il paese europeo che ha le polizze RC Auto più care.

Le ricerche compiute dall’Osservatorio Prezzi 6sicuro.it hanno rilevato variazioni di prezzo molto significative tra regione e regione, con un divario Nord-Sud molto marcato.

 

Piero Babudro

Giornalista pubblicista, consulente, social media strategist, community manager, docente. Scrive di nuove tecnologie e comunicazione di massa, studiando da vicino i cambiamenti sociali e di consumo introdotti dai media interattivi.

post correlati

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*