Assicurazione obbligatoria per le case a rischio: cosa cambia

Assicurazione casa

L’assicurazione obbligatoria sugli eventi naturali è legge.

Il decreto legge n. 59/2012, relativo al riordino della Protezione Civile, prevede “l’avvio di un regime assicurativo per la copertura dei rischi derivanti da calamità naturali sui fabbricati a qualunque uso destinati in quanto possono essere estese tutte le polizze assicurative contro qualsiasi tipo di fabbricato appartenente a privati”.

Un provvedimento sugli immobili esistenti che si combina con il divieto di costruire case e imprese in aree a rischio idrogeologico molto elevato. Stiamo parlando di 29.500 chilometri quadrati, 6 milioni di abitanti, 6.631 comuni coinvolti e 1.260.000 edifici tra cui 6 mila scuole e 531 ospedali.

Cosa prevede la norma?

I proprietari di immobili  dovranno stipulare delle assicurazioni casa per eventi naturali, che tutelino in caso di terremoti, alluvioni o altro genere di catastrofi naturali. Con queste polizze, finora facoltative, il rimborso per i danni provocati agli immobili non sarà più di competenza dello Stato, ma sarà demandato alle compagnie assicurative. Il premio assicurativo previsto per ogni singolo immobile dovrebbe oscillare tra i 100 e i 200 euro all’anno, in proporzione alla pericolosità sismica della zona e alla stabilità e sicurezza dell’immobile (gli edifici non a norma infatti sarebbero soggetti a costi maggiori).

Cosa ne pensano gli italiani?

Le posizioni sul decreto del Governo sono molteplici, vediamone alcune:

  • il provvedimento appare necessario ma non sufficiente e si sottolinea l’importanza di vietare la costruzione di immobili nei territori ad alto rischio;
  • è lo Stato che deve provvedere economicamente ai danni derivanti dalle calamità naturali;
  • l’obbligatorietà dell’assicurazione sottopone i proprietari di immobili ad ulteriori esborsi di denaro;
  • il decreto è una buona idea per non gravare sempre sui conti dello Stato.

E voi, cosa ne pensate? Favorevoli o contrari?

Michela Calculli

Dagli studi professionali tra Milano e Torino al blog personale, passando per un'esperienza televisiva che ha segnato la svolta. Tre grandi passioni: la scrittura, il fisco, la semplicità. Sempre in equilibrio tra famiglia e professione tra comunicazione e aggiornamento fiscale.

Commenti Facebook

1 Commento

  1. Avatar
    elio gennaio 08, 2014

    Sembra come se non avessimo occhi ne avessimo orecchie non alla luce del sole che certe “caste onorevoli” stanno facendo i loro porci comodi alla faccia del popolo .Ormai possono fare quello che vogliono nessuno li ferma piu’ se non quando sarà la fame e il nulla da perdere che equalizerà un po’ le cose.

    Rispondi

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*