Approvato il Decreto Banche Venete: ora tocca al Senato

Approvato il decreto banche venete nato per salvare Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca. Ora si attende l'ok da parte del Senato.

decreto banche venete

Sembra trovare una soluzione la crisi di Popolare di Vicenza e Veneto Banca, i due Istituti ormai da tempo nell’occhio del ciclone. Dopo i tanti tentativi falliti di risanamento era ormai indispensabile un intervento statale che garantisse alla banche di stabilizzarsi, evitando il timore di un possibile fallimento.

Una soluzione a cui si lavorava da mesi e che, pur facendo storcere il naso a molti (come spesso accade quando si parla di intervento pubblico), era probabilmente l’unica via d’uscita possibile.

Decreto Banche Venete: il via libera alla Camera

Con 318 sì, 178 no e un astenuto, è arrivata la fiducia sul decreto banche venete, nonostante l’ostruzionismo già annunciato dal Movimento 5 Stelle.

Un dibattito acceso dall’inserimento nel testo di una sola modifica tecnica di quelle proposte, il provvedimento che blocca i bond delle banche che chiedono la ricapitalizzazione precauzionale. Non accolte invece le altre tra cui gli indennizzi ai titolari di obbligazioni subordinate.

Un tema, quello dei rimborsi, che è da sempre il nodo più spinoso del salvataggio e che scatena aspre polemiche. Vanno in quest’ottica gli incontri tra Governo e associazioni dei consumatori, tentativi di trovare soluzioni in provvedimenti futuri capaci di risarcire, in parte, azionisti e investitori.

Il tema dei rimborsi

Ad oggi il sistema dei rimborsi è quello previsto nel decreto, legando gli indennizzi veneti al sistema previsto per le quattro banche regionali andate in risoluzione.

Ne deriva una doppia conseguenza: i rimborsi sono destinati solo a chi ha acquistato i bond subordinati, direttamente da Popolare Vicenza o Veneto Banca, entro il 12 giugno 2014 (data di entrata della direttiva europea Brrd) e li ha tenuti fino all’inizio delle procedure di liquidazione, iniziate con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del provvedimento (25 giugno).

L’indennizzo standard, pari all’80%, è quindi destinato alle persone che non abbiano un reddito complessivo superiore a 35 mila euro e un patrimonio mobiliare (azioni, bond eccetera) sopra i 100 mila euro. Va comunque detto che Intesa San Paolo si è già detta disponibile a coprire il restante 20%.

Approvato il Decreto Banche Venete: ora tocca al SenatoApprovato il Decreto Banche Venete: ora tocca al Senato http://bit.ly/2tlVpzF via @6sicuro

Agli altri non resta che la lunga e complessa strada dell’arbitrato. Basti pensare che gli investitori di Banca Etruria, Banca Marche, CariChieti e CariFerrara sono ancora in attesa che vengano nominati gli arbitri da parte dell’Anac.

Si sta valutando un modo per rendere più attuale il sistema, un sistema nato più di un anno fa e alla luce di una situazione diversa. Una delle possibili soluzioni potrebbe essere l’estensione del diritto al rimborso agli acquisti di bond junior effettuati entro il 1° febbraio scorso. Altre possibilità sono la defiscalizzazione dei ristori e l’estensione del calendario per Intesa sulla retrocessione dei crediti. Ipotesi che andranno esplorate prossimamente.

La necessità di approvazione del decreto ha infatti portato a renderlo quanto più “blindato”, evitando l’inserimento di aggiunte. Motivo che frena altre soluzioni importanti come gli strumenti aggiuntivi per la gestione dei crediti da parte della Sga e l’esclusione dal bail in per le Casse di previdenza.

Un tema, quello del bail, che però resta in agenda e dovrebbe trovare spazio nella prossima legge di bilancio.

Matteo Pogliani

Toscano di nascita ma lombardo di adozione, ho cominciato a parlare prestissimo non ho più smesso. Oltre ad essere blogger mi occupo di comunicazione web, in particolare in ambito social media

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*