Conto corrente a zero spese: cos’è, vantaggi e perché conviene

Il conto corrente a zero spese è un conto con zero spese di gestione, senza canone e senza spese fisse. Puoi effettuare, in modo gratuito, prelievi e versamenti e sei esente dal pagamento dell'imposta di bollo.

conto corrente a zero spese

Nessun canone mensile o annuale, niente imposta di bollo e nessun costo di gestione: se ti sembra un sogno forse è arrivato il momento di aprire un conto corrente a zero spese. Sono conti correnti che hanno tutte le funzionalità che conosci già, ma che puoi gestire in prima persona anche online e senza dover sostenere dei costi fissi.

Conto corrente a zero spese: cos’è

Un conto corrente a zero spese è un normale conto corrente che non prevede costi di gestione e canoni fissi. Questo vuol dire che le spese di apertura e di chiusura, le spese di gestione del conto e le commissioni sono azzerate. Nonostante questo, puoi svolgere tutte le operazioni di cui hai bisogno: puoi accreditare lo stipendio o la pensione, domiciliare il pagamento delle bollette, prelevare contanti, fare versamenti, ricevere e inviare bonifici, ecc.

Praticamente ogni banca ha introdotto nella sua offerta una o più versioni di conto corrente a zero spese, personalizzando le condizioni per l’accesso al servizio. Semplificando, possiamo raggruppare le offerte delle banche in tre fattispecie:

  • conti corrente a zero spese sempre gratuiti;
  • conti corrente a zero spese con un canone di gestione minimo;
  • conti corrente a zero spese con canone azzerabile.

In alcuni casi i conti corrente zero spese sono completamente gratuiti, a prescindere dal numero di operazioni o dalla giacenza media. L’apertura e la gestione non comportano alcun costo. Questo tipo di conto è senz’altro comodo per chi ama la semplicità e non vuole avere sorprese.

In altri casi, la banca azzera i costi delle singole operazioni ma addebita un canone molto ridotto. Spesso si tratta di conti con funzionalità aggiuntive rispetto a quelle di un conto corrente standard. Per chi usa di frequente il conto e sfrutta i servizi addizionali proposti dalla banca pagare un canone di importo minimo può essere comunque molto conveniente.

In altri casi ancora, le spese di gestione del conto si azzerano con l’attivazione di determinati servizi o con lo svolgimento di specifiche operazioni. Ad esempio, per ottenere l’azzeramento del canone annuale la banca potrebbe richiedere l’accredito dello stipendio o della pensione oppure la domiciliazione bancaria delle utenze. Alcuni conti potrebbero prevedere l’azzeramento delle spese quando si raggiunge un certo numero di operazioni svolte oppure al raggiungimento di una soglia di deposito.

Altre volte le banche propongono un conto corrente a zero spese alla clientela che rientra in una fascia di età o in una condizione professionale ben precisa. È il caso dei conti corrente a costo zero per studenti, under 30 o pensionati, spesso presenti nelle offerte degli istituti di credito.

Puoi trovare anche conti corrente senza spese per i quali i costi sono azzerati se vengono gestiti online, mente è prevista una commissione per le operazioni fatte in filiale o per le operazioni urgenti.

Conto corrente a zero spese: quali sono i suoi vantaggi

Il vantaggio più evidente per chi sceglie un conto corrente zero spese è il risparmio che ne deriva. Trattandosi di conti senza costi fissi e commissioni, si possono svolgere tutte le operazioni che si desiderano senza preoccuparsi del loro impatto sui costi di gestione.

Un altro grande vantaggio dei conti corrente a zero spese è la loro flessibilità. Quasi sempre si tratta di conti che possono essere usati online e in filiale. Così, si possono disporre bonifici, pagare le bollette, inviare denaro alle carte ricaricabili, controllare il saldo e l’elenco delle ultime operazioni in qualsiasi momento della giornata. Poter gestire direttamente il proprio conto non solo fa risparmiare denaro, ma anche tempo: nessuna coda allo sportello, niente più ore perse per andare e tornare dalla filiale e nessuna corsa contro il tempo per arrivare in banca prima della chiusura.

Conto corrente a zero spese: cos'è, vantaggi e perché convieneConto corrente a zero spese: cos’è, vantaggi e perché conviene http://bit.ly/2rtiGh2 via @6sicuro

Conto corrente senza spese: perché conviene

Rispetto a un conto corrente classico, per il quale bisogna pagare l’imposta di bollo, un canone mensile e non di rado anche una commissione per ogni operazione svolta, un conto corrente a zero spese è sempre più conveniente. Hai accesso alle stesse funzionalità e hai lo stesso rendimento di un conto corrente standard senza dover pagare.

Come sempre, è necessario confrontare le proposte di diverse banche per trovare il prodotto più adatto alle proprie abitudini. Conoscere i dettagli relativi alle modalità di apertura e di chiusura e le condizioni di gestione ti aiuta a scegliere il conto corrente senza spese giusto per te.

Nei conti corrente a zero spese una parte dei costi viene sostenuta direttamente dalla banca e una parte non viene addebitata al cliente. Rientra nella prima categoria il costo dell’imposta di bollo sul conto corrente. Si tratta di un’imposta prevista per legge per tutti i conti corrente, i conti di deposito e i libretti di risparmio e ammonta a 34,20 euro ogni anno. Fanno parte invece dei costi non addebitati dalla banca tutti quelli legati alla gestione del conto: i costi di apertura e chiusura, le spese di gestione e le commissioni.

Alcune banche offrono gratis le carte di credito, di debito e prepagate legate al conto corrente. In questo modo non solo si ha un canone gratuito per la tenuta del conto, ma si possono attivare e usare le carte di credito e di debito per gestire al meglio le proprie spese rendendo minimi i costi.

Come aprire un conto corrente a zero spese

Nella maggior parte dei casi non hai bisogno di andare in filiale per aprire un conto corrente a zero spese. Puoi infatti procedere direttamente online e aprire il conto tramite la piattaforma di internet banking dell’istituto di credito che hai scelto.

Per l’apertura online hai bisogno di indicare i tuoi dati anagrafici (e dell’eventuale cointestatario), una copia del documento di identità, il numero di telefono e un indirizzo email. Dopo aver preso visione dei documenti e dei regolamenti predisposti dalla banca, puoi completare l’attivazione del conto confermando i tuoi dati e i codici di controllo inviati dall’istituto bancario e iniziare subito a usare il conto.

Maggiori informazioni sul conto corrente

Vuoi approfondire il tema del conto corrente a zero spese? Nel sito prestitipersonali.com trovi una intera sezione dedicata a tutte le caratteristiche del conto corrente ma, se hai ulteriori domande, puoi scrivercele nei commenti.

Luana Galanti

Ho una laurea specialistica in Consulenza e direzione aziendale e, da sempre, un legame indissolubile con le parole scritte. Le mie due anime – quella creativa e quella pragmatica – si confondono nel mio lavoro di web writer e business writer freelance.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*