Multe parcheggio a pagamento: come reclamare i parcheggi liberi

Parcheggio libero

Multa parcheggio a pagamento

Trovare un parcheggio gratuito in città è diventata una caccia al tesoro: spesso si posteggia negli spazi delimitati dalle strisce blu per delle piccoli commissioni e inevitabilmente fioccano le multe. In questo spazio abbiamo trattato più volte la questione parcheggio sulle strisce blu, sia di come si effettua una contestazione che delle multe irregolari in caso di ticket scaduto, ma effettivamente quali sono le prove da fornire al Giudice di Pace per ottenere l’annullamento di una contravvenzione ricevuta per sosta non autorizzata sulle strisce blu?

Perché si viene multati?

È noto agli  automobilisti che per sostare nelle aree delimitate da strisce blu c’è bisogno di pagare una somma di denaro, servendosi di parcometri, addetti al parcheggio o di ticket per legittimare la sosta per una determinata frazione di tempo. Le vetture sprovviste di ticket verranno sanzionate, ma le sanzioni sono “facilmente” contestabili qualora nei pressi delle aree di sosta a pagamento non vi siano parcheggi liberi.

Assenza di parcheggi liberi? Ecco come rendere nulla una mula.

Come dimostrare la mancanza di parcheggi liberi?

È bene ricordare che le aree pedonali, le ztl e le zone di particolare rilevanza urbanistica non sono soggette a questa regola. Quindi, prima di valutare un eventuale ricorso è opportuno conoscere la zone in cui si è stati multati. Nel caso siate stati multati in zone differenti, sarà compito vostro fornire delle prove al Giudice di Pace sull’assenza di parcheggi gratuiti nell’immediata vicinanza di quelli a pagamento. Le fotografie, per quanto possano mostrare la presenza o meno di parcheggi liberi, non sono una documentazione sufficiente.  La Corte di Cassazione ha definendo irrilevante il materiale fotografico proposto da un automobilista, che contestava una sanzione notificatagli per aver parcheggiato gratuitamente sugli stalli a pagamento, attraverso una sentenza (n. 14980/13 depositata il 14.06.2013).

Le prove devono essere documentate in modo preciso. La Corte Suprema “suggerisce” di fornire il contenuto dell’ordinanza del Comune istitutiva del parcheggio a pagamento, in modo da validare l’eventuale illegittimità dell’area di sosta a pagamento. Diversamente, è possibile ottenere l’annullamento della contravvenzione dimostrando la cessazione della relazione tra il Comune e gestore dei servizi. Ogni cittadino può richiedere al Comune di esibire i contratti di concessione e quindi verificarne la validità. È bene tenere a mente che le concessione degli appalti pubblici non possono godere del tacito rinnovo.

Assenza di parcheggi liberi? Ecco come rendere nulla una multa.
Assenza di parcheggi liberi? Ecco come rendere nulla una multa http://bit.ly/1fS6rPK @6sicuro
Francesco Del Franco

Social media specialist, community manager, consumatore di cultura audio-video-testuale. Vede la comunicazione in ogni prodotto, parola, gesto e gli piace osservare e scrivere di quelle accezioni sempre un po’ nascoste.

Commenti Facebook

5 Commenti

  1. Avatar
    Vincenzo marzo 12, 2014

    Mi domando perché deve essere il cittadino a dimostrare che non c’erano parcheggi gratuiti? può un semplice cittadino essere a conoscenza dei suoi diritti, e avere la capacità e il tempo libero per dimostrare ciò ?.Vi domando non dovrebbe essere il comune a rispettare le leggi?, ed è mai possibile che nessuno è responsabile di ciò?.Grazie e cordiali saluti

    Rispondi
  2. Avatar
    Massimiliano marzo 15, 2014

    Ma sono le istituzioni a dover svolgere il proprio compito e a dover dimostrare all’utente di aver agito nella correttezza!!! Non può il cittadino essere multato e pure beffato! Tutti questi impiegati che scaldano le sedie potrebbero pure lavorare sul serio ogni tanto…e occuparsi loro di far rispettare le normative per offrire reali servizi ai cittadini…

    Rispondi
  3. Avatar
    Sergio marzo 19, 2014

    Mi spiace doverlo dire ma questo articolo è troppo superficiale. Sono anni che si parla di queste questioni, che sono sicuramente vere, ma è del tutto inuile se non si indicano i parametri effettivi per poter agire. Intendo: ci dev’essere una distanza minima tra i parchegggi a pagamento e quelli gratuiti? c’è una proporzione minima da rispettarre tra parcheggi a pagamento e gratuiti? se si, quale area (mq) bisogna prendere di riferimento?
    In sostanza: quali elementi effettivi costituiscono prove inoppugnabili da sottoporre al giudice per poter vincere una contestazione?
    Non ditemi che l’unica cosa che si può fare è verificare la validità dei contratti di concessione …
    Senza degli elementi precisi non stiamo parlando di nulla se non di una leggenda metropolitana. Buona giornata

    Rispondi
    • Avatar
      Salvatore Russo marzo 24, 2014

      Ciao Sergio,
      a volte ci permettiamo di lanciare solo un’informazione e non scrivere sempre dei tomi.
      Per noi è già importante far sapere che c’è questa opportunità.
      La trovi interessante? Bene l’approfondiamo.

      Rispondi
  4. Avatar
    Sergio aprile 03, 2014

    La ringrazio per l’attenzione. Buon lavoro e Saluti

    Rispondi

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*