Furto Auto: cosa bisogna fare

furto_auto

Furto Auto

Le auto nuove si vendono sempre di meno e – mentre si riflette su come risollevare le sorti dell’intero mercato automobilistico – quelle in circolazione “vanno a ruba”. Gli ultimi anni avevano fatto registrare importanti cali per quanto riguarda i furti d’auto ma il  2012, dopo un periodo positivo, ha invertito la tendenza con oltre 2 mila auto rubate in più rispetto all’anno precedente. I numeri relativi ai furti delle auto sono impressionanti: mediamente sono 13 i veicoli sottratti ai legittimi proprietari ogni ora e nessuna regione è immune da questo “male”.

<<TWITTALO>>
In Italia ogni ora vengono rubate 13 auto. Sapete cosa fare in questi casi? http://bit.ly/15Cq9sv @6sicuro

Ma cosa bisogna fare in caso di furto del proprio veicolo?

Denunciare il furto

La prima cosa da fare, sicuramente anche la più intuitiva, è quella di sporgere una denuncia presso il più vicino comando dei Carabinieri o commissariato della Polizia. Non è prevista una prassi standard per la denuncia, ma l’incaricato raccoglierà e trascriverà le vostre dichiarazione riguardo il furto del mezzo. Segnalerete le circostanze, la data e l’ora presunta del furto, mentre allo stesso tempo fornirete tutti i dati necessari all’identificazione del veicolo (targa, modello, marca, etc.) e degli eventuali oggetti di valore lasciati all’interno. Nel caso fosse stata sottratta, insieme al veicolo, anche la Carta di Circolazione e/o il Certificato di Proprietà va esplicitamente dichiarato nella denuncia. Alla fine vi verrà rilasciata anche la “copia conforme” della denuncia.

Annotazione di perdita di possesso

Effettua la denuncia, bisogna recarsi all’Ufficio Provinciale dell’ACI – PRA per richiedere la perdita di possesso del veicolo. Questa tipologia di richiesta, che permetterà la sospensione del pagameto obbligatorio della tassa automobilistica, può essere effettuata dall’intestatario del mezzo o da un soggetto munito di delega presentando la copia conforme della denuncia, la Carta di Circolazione e il certificato di proprietà (CdP). Nel caso in cui uno di questi due certifica o entrambi siano stati rubati insieme al veicolo, dovrete presentare il modello NP3C in doppia copia originale.

Comunicazione alla propria compagnia assicurativa

Entro 3 giorni dal furto è consigliabile comunicare il furto alla compagnia delle vostra assicurazione, attraverso il proprio broker, numero verde o tramite raccomandata con ricevuta di ritorno contenente una copia della denuncia. Questa comunicazione va fatta sempre tempestivamente, anche se il vostro veicolo non è coperto dalla polizza accessoria furto e incendio. Generalmente le compagnie vi richiederanno: la denuncia, il CdP con l’annotazione della perdita di possesso e le chiavi del mezzo (anche quelle di scorta). Nel caso fosse coperti da polizze accessorie, per avviare la pratiche di liquidazione bisogna inoltrare anche la copia del certificato di chiusura inchiesta. Il documento, rilasciato dalla Procura delle Repubblica del luogo in cui è stato notificato il furto del mezzo, attesterà che il lavoro svolto dalle Autorità competenti non abbia portato al ritrovamento del mezzo sottratto illecitamente.

Veicolo ritrovato

In caso di ritrovamento del veicolo, spesso rintracciato grazie agli antifurti satellitari o alle “scatole nere”, entro 40 giorni deve essere richiesto il “rientro in possesso” del mezzo consegnando al P.R.A.: il certificato di “perdita di possesso”, la dichiarazione sostitutiva di notorietà che attesta la causa del rientro in possesso del mezzo e il provvedimento emesso dalle autorità competenti con le quale si dispone la riconsegna del veicolo. Quest’ultimo documento andrà inoltrato anche alla compagnia assicurativa, in modo da riallacciare i rapporti e regolamentare la situazione assicurativa del mezzo.

Francesco Del Franco

Social media specialist, community manager, consumatore di cultura audio-video-testuale. Vede la comunicazione in ogni prodotto, parola, gesto e gli piace osservare e scrivere di quelle accezioni sempre un po’ nascoste.

Commenti Facebook

5 Commenti

  1. Avatar
    ste ottobre 21, 2013

    Ma il libretto di circolazione e il certificato di proprietà si possono lasciare sull’auto in facsimile?

    Rispondi
  2. Avatar
    salvatore ottobre 25, 2013

    Il certificato di CHIUSURA INCHIESTA non dev’essere più prodotto salvo nel caso che al furto dell’auto sia associato un reato penale. Attenzione a non dare informazioni errate che complicano la vita ai cittadini

    Rispondi
  3. Avatar
    Francesco Del Franco ottobre 25, 2013

    @ste non è obbligatorio avere in auto il certificato di proprietà, lo puoi lasciare anche a casa, mentre il libretto di circolazione deve essere quello ufficiale.

    Rispondi
  4. Avatar
    Andrea gennaio 31, 2014

    Con il furto dell’auto e la regolare perdita di possesso,si può chiedere il rimborso dei mesi pagati da quando il mezzo non c’è più sino alla scadenza?
    Es: bollo valido sino al 31/12/2014; il 9/3/2014 il veicolo viene rubato;
    dal 01/04/2014 al 31/12/2014 posso essere rimborsato di quanto anticipatamente pagato se il bene non è più in mio possesso? La domanda nasce da quanto scritto nel capitolo annotazione di perdita di possesso.

    Rispondi
  5. Avatar
    Adele luglio 06, 2016

    Salve,hanno rubato l auto del mio defunto marito, per il quale tutti i parenti hanno fatto la rinuncia all eredità. Io come moglie Devo comunque fare la denuncia? Verranno chiamati tutti i parenti?

    Rispondi

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*