Anziani soli in casa: rischi, precauzioni e assistenza

Cosa fare quando gli anziani rimangono soli? Magari in un appartamento in città? La soluzione non è semplice ma puoi iniziare con questi consigli.

anziani soli in casa

Il problema degli anziani soli

Il problema degli anziani soli non è nuovo, però è importante sottolineare la necessità di fare attenzione a questi temi. Perché inseguiamo sempre il dramma roboante, la notizia che fa clamore. Il problema della solitudine degli anziani, invece, è silenzioso. Non si fa sentire, non ha voce nei media.

Non ci sono colpi di scena, però ci sono individui che soffrono. A volte per necessità, a volte per disattenzione, le persone anziane rimangono sole. Quando vivi in un piccolo paese di campagna puoi contare su una serie di legami sociali molto importanti quando si invecchia. Tipo vicini, parenti più o meno lontani, amici d’infanzia e compagni in una partita di bocce. Tutto questo può fare la differenza.

Chi, però, rimane in città si ritrova in completa solitudine. Magari in un appartamento all’ultimo piano di un palazzo di periferia. Questo significa rimanere prigionieri della propria dimora, e con il rischio di farsi male senza poter chiamare aiuto. O magari incrociare un malintenzionato senza scrupoli, in attesa del prossimo anziano da truffare. Cosa fare in questi casi?

Attenzione alle truffe in casa

Un problema che da sempre affligge gli anziani soli in casa, in città ma non solo. I raggiri alle persone anziane hanno sviluppi diversi ma lo stesso finale: i truffatori riescono a fare leva sulla paura, sulla scarsa lucidità e sul bisogno di molti anziani di scambiare due chiacchiere con qualcuno. Anche quando è un estraneo a bussare, tizi che magari indossa una divisa.

Una divisa che in realtà non ha alcun valore, così come i vari tesserini e le carte che vengono sventolate per dare credibilità alle proprie parole. Per avere delle buone possibilità di risolvere questi problemi è possibile leggere l’articolo dedicato alle truffe in casa agli anziani. In ogni caso la regola d’oro è chiara: mai fidarsi di chi vuole entrare o accedere a denaro e preziosi.

serenetà

Anziani soli in casa: rischi, precauzioni e assistenzaAnziani soli in casa: rischi, precauzioni e assistenza http://bit.ly/2zf0BU7 via @6sicuro

Preferire una casa adeguata

Lo so, non è possibile scegliere perché a volte le persone anziane sole sono indigenti. Magari a causa di una pensione minima che non consente di optare un buon appartamento per trascorrere le proprie giornate, però se c’è la possibilità di valutare più soluzioni il consiglio è semplice: prendere una casa con un ingresso privo di barriere architettoniche.

In questo modo gli spostamenti saranno semplici. Anche quando non si potrà scendere le scale in autonomia. La presenza dell’ascensore risolve il dramma tra un piano e l’altro ma i palazzi vecchi potrebbero non avere questa comodità. E poi ci possono essere scale intermedie, muretti, ringhiere. Quando sei solo e gli anni si fanno sentire tutto questo diventa insormontabile.

Importante: segnare in casa tutti i numeri di telefono da chiamare nel caso di emergenza, magari acquistare apparecchi in grado di facilitare le chiamate spingendo un unico tasto sull’apparecchio. A volte basta un accessorio semplice per facilitare la vita di un nonno o di un genitore anziano.

Valuta una buona assicurazione

Ci sono dei problemi difficili da superare quando gli anziani sono soli, quando i parenti non possono accudirli giorno dopo giorno. Contattare una figura che se ne occupi a tempo pieno (badante, infermiere…) può essere una soluzione importante. Ma se vuoi una possibilità in più e assicurare una serie di servizi per chi non può contare più sulle sue forze puoi valutare un’assicurazione.

Ci sono alcuni servizi, infatti, che risolvono problemi importanti per chi si trova in condizioni di difficoltà. Questi servizi coprono i danni di eventuali truffe in casa, ma hanno servizi aggiuntivi come la possibilità di contattare un accompagnatore o un autista, l’assistenza per fare la spesa e in caso di perdita dei documenti. Fino alla copertura in caso di frattura dopo uno scippo.

Attenzione a scippi e rapine

I momenti peggiori sono quelli che vedono la persona anziana, da sola, mentre va a ritirare la pensione. O a prelevare. In questi casi non c’è ostacolo per i malintenzionati: possono aggredire un indifeso e con una somma di denaro considerevole.

Come fare in questi casi? Di certo è importante guardarsi intorno, avere sempre il controllo ed evitare situazioni poco chiare. Di solito i malfattori non puntano allo scippo (più rischioso e con esiti incerti) ma tentano la strada della truffa basata sull’indecisione dell’anziano. Un esempio su tutti? Quella del sedicente impiegato delle Poste e della pensione.

Il finto addetto allo sportello postale che rincorre l’anziano fuori dagli uffici perché, per puro caso, ha dato banconote false al posto di quelle vere. Basta un cartellino contraffatto e un po’ di scena per apparire credibile agli occhi di una persona che non ha più la lucidità per intervenire. C’è poco da fare: la presenza di un accompagnatore o di un familiare è indispensabile.

Bisogna crearsi delle relazioni

Come si risolve tutto questo? La soluzione è a portata di mano. In età anziana non è facile farsi amici, però in molti casi la solitudine non è dovuta alla costrizione in un luogo o alla necessità di rimanere a letto per questioni di salute. Il problema risiede nell’incapacità di andare oltre la routine, di chiedere aiuto e provare nuove occasioni. In città come in paese ci sono iniziative per anziani soli. Perché non tentare e iniziare un nuovo percorso? Magari si possono incontrare nuovi amici.

Come aiutare gli anziani soli

Difficile dare una risposta. Basterebbe essere più presenti, fare un colpo di telefono o essere disponibili. In modo che le persone anziane non debbano fare affidamento a sconosciuti per portare la spesa in casa o ritirare la pensione. Ma è vero che spesso è il ritmo della vita quotidiana non permette a tutti di prestare la giusta attenzione a questi problemi. Ecco perché può essere una soluzione avere un aiuto esterno che si prenda cura degli anziani. Sei d’accordo? Lascia la tua opinione nei commenti.

serenetà

Riccardo Esposito

Sono un webwriter freelance, aiuto le aziende e gli imprenditori a comunicare online. Mi occupo di nuove tecnologie, social media, scrittura online. Il mio motto? Il mio regno per un post.

Commenti Facebook

0 Commenti

ancora nessun commento!

Non ci sono commenti, potresti essere il primo!

rispondi

La tua mail non sarà pubblicata. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.*